Suoni a Sud. Arte in residenza

San Cataldo. Da oggi e fino al 10 settembre per far dialogare arte e musica. Esperienze più o meno mature. In un viaggio da non perdere

SAN CATALDO – C’è chi è ormai un’icona della buona musica e della buona arte che nasce nel Salento ma che sa dialogare con il mondo intero e chi si mette in gioco per la prima volta in un’esperienza simile. C’è chi da quasi quarant’anni “dialoga” con l’audiovisivo e chi la propria creatività la nutre praticando la cultura e il pensiero orientale. Sono 14 gli artisti che quest’anno vivranno quest’esperienza: Giuliano Capani (regista/documentarista), Emanuele Coluccia (musicista), Tiziana Dollorenzo Solari (psicointerprete d’arte), Simone Franco (attore), Roberto Gagliardi (musicista), Fosco Grisendi (pittore), Silvia Lodi (attrice), Massimiliano Manieri (poeta/performer), Alice Pietroforte (pittrice), Monica Righi (ceramic designer), Irene Scardia (musicista), Giorgia Santoro (musicista), Mauro Tre (musicista) e Anna Zecca (cantante/performer). Parte oggi presso la residenza privata di Irene Scardia a San Cataldo, già luogo di eventi e di attività artistica, la residenza “Suoni a sud”, primo momento di un progetto più ampio con il quale Workin’ produzioni musicali da 5 anni mira ad incentivare la produzione artistica e musicale d’autore con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Lecce, con il patrocinio della Provincia e dell’Azienda di Promozione Turistica di Lecce e di sponsor privati. In residenza gli artisti vivranno assieme per una settimana al fine di confrontarsi, sperimentarsi e sperimentare l’incontro tra le proprie discipline artistiche, per fare esperienza dell’atto del creare svincolato dalle logiche del tempo della produttività. Giovedì 8 settembre alle 21.30 la residenza si apre al pubblico con una serata conviviale. Sabato 10 settembre alle 21.30 gli artisti residenti presenteranno il frutto del loro lavoro in un luogo ancora da definire. Per info 334.9992381 338.8321161 Sito www.workinproduzioni.it Su Facebook Suoni a Sud – rassegna musicale e residenza artistica

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment