Notte della Taranta: il piano di viabilità

È pronto il piano di viabilità per il concertone di domani sera a Melpignano. Ecco come conviene muoversi

Domani è il gran giorno per la Notte della Taranta e l'attesa si consuma organizzando la logistica, aspetto essenziale per la buona riuscita di manifestazioni di questa portata. Per il concertone di Melpignano si prevede la presenza di circa 100mila spettatori; eppure, il numero potrebbe essere più elevato vista la notevole affluenza turistica nel Salento in questi ultimi e torridi scampoli d'agosto. È stato presentato, a questo proposito, il piano di viabilità che a partire da domani sarà messo in moto per facilitare l'arrivo e il deflusso del concerto. L'accesso al paese, dalla statale 16, sarà interrotto domani mattina alle ore 9:30. Potranno entrarvi solo i residenti muniti di pass, e comunque non oltre le ore 14. Per parcheggiare l'auto, si consiglia di dirigersi verso la zona industriale, dove sono stati predisposti circa 25.000 posti per il parcheggio. Da quel punto partiranno anche le navette, attive dalle ore 19 alle ore 5 del mattino successivo. I treni locali delle Ferrovie Sud-Est saranno continui e permetteranno di raggiungere Melpignano con soli 3,20 euro (costo del biglietto andata e ritorno).
Sulle rotte da e per Lecce, Nardò, Poggiardo e Otranto verranno utilizzate sei autolinee. Il prezzo è lo stesso che per il treno, trattandosi dello stesso genere di servizio. I disabili potranno, invece, usufruire di parcheggi al Convento degli Agostiniani, in via Salento, via Dimitri, via Grecìa Salentina e via Europa. In allegato, gli orari delle Ferrovie Sud Est: orari treni taranta

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment