Lavoratori Adelchi ancora in lotta

Ancora drammatica la situazione per i lavoratori Adelchi. Convocata una protesta in via Capruzzi per la prossima settimana

I soldi non arrivano e i cassintegrati Adelchi tornano nuovamente in piazza a protestare. L'odissea per i lavoratori dell'azienda di Tricase è iniziata nel 2010 e sembra non avere fine. Questa volta l'Inps comunica che non c'è la disponibilità per erogare il sussidio regionale straordinario e il comitato Michele Frascaro risponde direttamente alla Regione Puglia: “Abbiamo atteso anche troppo sperando nel buon senso di questa amministrazione regionale ma siamo oggi più delusi che mai dell’operato della stessa. Una campagna elettorale di un anno fa in cui tale amministrazione si rendeva disponibile ad ascoltare e intervenire prontamente in merito a problemi inerenti il lavoro, tutte favole e poesie che non si sono mai trasformate in fatti concreti”. I pagamenti riguardano sia la cassa integrazione che l'indennità per aver frequentato i corsi di formazione previsti dal programma welfare to work della Regione Puglia per l’anno 2010. Le promesse sbandierate alle famiglie dei cassintegrati rimangono, così, disattese e il mese di agosto è praticamente passato senza che nessuno dei lavoratori percepisse neanche un solo centesimo. L'appello è chiaro: “La prossima settimana saremo sotto la Regione Puglia a protestare contro questa amministrazione che in campagna elettorale ha promesso mari e monti e che, come nelle migliori tradizioni politiche, non ha mantenuto neppure uno dei punti previsti e chiediamo a tutti i lavoratori e a tutti coloro che hanno a cuore le sorti di questa Regione di mobilitarsi insieme a noi”. Purtroppo anche questa stagione estiva si chiude con l'ennesima lotta da parte degli operai; situazione, purtroppo, destinata a ripetersi fino ad una soluzione che, ad oggi, non si riesce nemmeno ad intravedere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment