Nardoni, risposte celeri per i comuni alluvionati

Bari. Polemiche sul post alluvione in provincia di taranto L’Assessore Nardoni convoca per venerdì i sindaci di Ginosa, Castellaneta, Laterza e Palagianello

Bari. “Serve un componimento delle parti e serve che ognuno assuma con responsabilità il ruolo di dipanare dubbi e asprezze con l’obiettivo unico e solo di dare risposte celeri a quelle comunità”. L’Assessore alle risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni, annuncia con queste parole l’incontro che venerdì prossimo 10 gennaio a partire dalle 13.00 si terrà nella sede dell’Assessorato regionale insieme ai sindaci dei quattro comuni tarantini colpiti dall’alluvione dell’ottobre scorso. Dopo le polemiche, le diffide e ora il tempo del dialogo con i Sindaci di Castellaneta, Laterza, Ginosa e Palagianello che proprio nelle settimane scorse si erano resi protagonisti di un botta e risposta con l’Assessore Nardoni sull’utilizzazione dei 10milioni di euro individuati dalla Regione per venire incontro ai danni subiti da quei territori. Ho sempre detto a tutti i Sindaci che questo assessorato rimaneva aperto e disponibile ad ogni tipo di confronto e confermo che questa è la strada anche metodologica che preferisco – afferma Nardoni – perché come siamo stati in grado di trovare le uniche risorse messe in campo per affrontare l’emergenza sono certo saremo in grado di capire quali strumenti potranno essere attivati per evitare ulteriori e dannose perdite di tempo e risorse. Accolgo pertanto e ben volentieri – termina Nardoni – anche tutte le sollecitazioni in merito giunte da vari esponenti politici della mia provincia, dal consigliere regionale Michele Mazzarano all’esponente di SEL Palagianello, Vito Vetrano. L’incontro di venerdì si terrà alla presenza dei tecnici e dei funzionari dell’Assessorato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!