La ‘Sfida’: superare le barriere in spiaggia

Lido Conchiglie. Domani il sindacato “Sfida” donerà una carrozzina da spiaggia “job” per l’accesso in mare dei disabili

LIDO CONCHIGLIE – Rendere la spiaggia accessibile a tutti. Permettere anche ai disabili di godere dell’estate salentina, così calda quest’anno, come gli altri anni, del resto. A questo servirà la manifestazione di solidarietà che avrà luogo domani alle 11 presso il Distaccamento straordinario dell’Aeronautica Militare – 61° Stormo – a Lido Conchiglie. Si chiama “Sfidami. Volare oltre le barriere” e vi prenderà parte anche Ugo Lisi, deputato salentino del Pdl. Durante la manifestazione sarà consegnata al Distaccamento Straordinario una carrozzina da spiaggia “job”, concessa in comodato gratuito dalla Segreteria provinciale del sindacato “Sfida” (Sindacato famiglie italiane diverse abilità) di Lecce. La sedia job, oltre a garantire ai disabili trasferimenti più agevoli sulla sabbia, permette loro di entrare in acqua con maggior facilità. Insieme a Lisi, alla cerimonia di consegna parteciperanno anche il colonnello Maurizio Colonna, Comandante del 61° Stormo dell’Aeronautica Militare, il maggiore Marco Palumbo, responsabile del Distaccamento Straordinario e Vito Berti, segretario provinciale di “Sfida”. “Sono anni ormai che siamo onorati di partecipare alle manifestazioni di solidarietà del sindacato ‘Sfida’, che riesce sempre a far precedere i fatti alle parole. La consegna di una sedia job è uno dei momenti di solidarietà più importanti, perché consente a tante persone disabili di poter fare un bagno in mare come tutti desideriamo fare nel periodo estivo, ed è perciò un ausilio che, nella sua semplicità, ci fa sentire per davvero un po’ più uguali, alleggerendo la fatica sulla sabbia di tanti genitori che devono portare in braccio i propri figli verso l’acqua.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment