Carte false per ottenere i contributi pubblici

La Guardia di finanza ha denunciato il titolare di un’azienda agricola della provincia

Avrebbe percepito contributi pubblici per più di 182mila euro (per la precisione 182.020,82 euro) per sostenere lo sviluppo dei territori rurali e valorizzare le risorse agricole, indicando falsamente nella domanda di essere in possesso dei requisiti previsti. La truffa ad opera del titolare di un’azienda agricola della provincia è stata scoperta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Provincia di Lecce i quali hanno accertato che il reddito totale indicato nella richiesta di finanziamento era, in realtà, inferiore a quello effettivamente realizzato; le disposizioni in materia prevedono, infatti, che le aziende agricole che intendano accedere a tali forme di contribuzione debbano avere, tra i vari requisiti, un reddito aziendale non inferiore ad 11.207,78 euro. Il titolare della azienda controllata aveva indicato di aver conseguito un reddito di oltre 75 mila euro quando, invece, quello dichiarato era pari a poco più di 8mila euro. L’uomo è stato denunciato per l’ipotesi di reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati