San Cataldo tutta leccese. ‘Ma senza Perrone’

Lecce. La proposta di Pankiewicz di un’acquisizione da parte del Comune di Lecce del tratto della marina riscuote i consensi dell’Amministrazione.

LECCE – A documentare la situazione di degrado in cui versa la marina di San Cataldo ci è andato di persona e si è fatto pure fotografare. Wojteck Pankiewicz, consigliere comunale leccese dell’Udc, aveva già più volte proposto un’acquisizione da parte del Comune di Lecce della fascia di San Cataldo frequentata esclusivamente da cittadini e turisti leccesi. Ed ora che l’assessore Gaetano Messuti e il sindaco Paolo Perrone hanno accolto la proposta di avviare una trattativa col Comune di Vernole per acquisire quel tratto di costa, non può che esprimere la sua soddisfazione. Si tratta nello specifico dell’area che comprende gli stabilimenti dei Vigili del Fuoco, Mancarella, Aeronautica, Scuola di Cavalleria, Lido Polizia, Lido Verde, La Terrazza e la Stella del Sud che in tal modo verrebbe migliorata con appropriati interventi. Ma quando tutto sembra filare liscio, ecco che il consigliere pone una condizione: ben venga una San Cataldo tutta leccese, ma senza il sindaco Perrone, altrimenti l’acquisizione non converrebbe alla stessa marina. “Fortunatamente tra pochi mesi si vota – aggiunge il politico -. E come giustamente dice il sindaco di Vernole, Mangione ci sarà più serenità per trattare con la nuova Amministrazione di Lecce”. “Ovviamente – dice il consigliere – ho proposto questa revisione di confini per migliorare la situazione della parte sud della marina, quella che appunto dipende da Vernole. Ciò non potrà mai avvenire finché ci sarà la Giunta Perrone. Documento, infatti, con una foto scattata domenica 21 agosto, cioè al top della stagione turistica, il barbaro stato di degrado e abbandono in cui Perrone tiene la parte di San Cataldo di sua pertinenza”. La foto ritrae il consigliere dell’Udc dietro l’ex bar Wind Surf a pochi metri dallo stabilimento dei Vigili del Fuoco. La fanno da padroni, come si vede, sporcizia e insetti di vario tipo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment