Gallipoli: blitz contro la droga

675 auto fermate, diverse denunce e segnalazioni, il sequestro di hashish e marijuana. È il bilancio dell'attività di ieri dei Carabinieri di Gallipoli

Le strade mietono vittime, in Salento. Come l'abuso d'alcool e di droga fra i giovani e giovanissimi. Da qui, per mettere un freno allo sballo che ha insanguinato le notti salentine le scorse estati, l'intensificazione dei controlli sulle strade ad opera delle Forze dell'Ordine. I Carabinieri della Compagnia di Gallipoli, ieri, dalle prime ore della mattina fino al tardo pomeriggio, insieme a quelli della Compagnia di Nardò e al nucleo cinofili di Bari – Modugno, hanno effettuato un blitz in quattro campeggi della zona. Il risultato è il sequestro di 20 grammi di marijuana e di 4 grammi di hashish, la segnalazione per 17 turisti di età compresa fra i 17 e i 25 anni e un'ulteriore segnalazione per 9 ragazzi, illecitamente accampati nelle pinete vicine e trovati in possesso di 10 grammi di marijuana e di 8 grammi di hashish. In serata, il fronte dei controlli si è spostato sul litorale. Ad agire, 20 carabinieri in borghese. Bilancio: 14 segnalazioni all’autorità prefettizia per ragazzi di età compresa tra i 17 e i 30 anni, per una quantità di droga sequestrata pari a 11 grammi di hashish e a 12 di marijuana. Un giovane ragazzo di Modena è stato denunciato a piede libero per detenzione a fini di spaccio: possedeva 9 grammi di marijuana e 4 piccoli pezzi di hashish per un totale di 5 grammi. 14 patenti ritirate e 6 fermi per un tasso alcolemico di più di un grammo per litro di sangue, il doppio del consentito. La auto fermate sono state in tutto 675.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment