Mina tedesca al largo di Otranto

È stata fatta brillare una mina antinave, risalente alla seconda guerra mondiale, sul fondale otrantino a mezzo miglio dalla costa

Una mina antinave con una carica esplosiva di tritolo di 350 chili. Se fosse esplosa, toccando una delle tante navi che solcano i nostri mari di questi tempi, poteva provocare una strage, vista la zona nella quale è stata ritrovata dagli uomini del nucleo Sminamento difesa antimezzi insidiosi di Taranto (il reparto specializzato dei palombari della Marina): mezzo miglio al largo della costa otrantina, non lontano dal porto. I sommozzatori hanno fatto brillare la mina, precisamente una mina da ormeggio di fabbricazione tedesca utilizzata nella seconda guerra mondiale. La sicurezza del tratto di mare interessato dalle operazioni è stata garantita dalla motovedetta Cp 809, unità specializzata della guardia costiera, di stanza presso l’ufficio circondariale marittimo di Otranto. Proprio la Guardia costiera idruntina ha lanciato un appello a naviganti, sommozzatori e bagnanti: in caso di ritrovamento in acqua o sulla costa di oggetti potenzialmente individuabili come ordigni bellici, bisogna seguire le procedure dettate con l’ordinanza numero 68/09 del 4 novembre 2009, consultabile alla voce “ordinanze” sul sito istituzionale www.otranto.guardiacostiera.it. Per le emergenze il numero da chiamare è 1530 (in alternativa, si può contattare direttamente l’ufficio circondariale marittimo di Otranto allo 0836/801073).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment