La Taranta vola! con Alitalia

Accordo firmato fra la compagnia di bandiera e la Notte della taranta: si volerà da roma e milano con tariffe agevolate

Da Roma o Milano volare a Brindisi per vedere il concertone della Notte della Taranta a fine agosto costerà circa 50 euro. E' questo il risultato dell'accordo stipulato fra la Fondazione Notte della Taranta e la compagnia aerea Alitalia, che metterà a disposizione tariffe speciali per raggiungere il Salento, vibrante del ritmo e delle contaminazioni del festival dall'11 al 27 agosto. “La compagnia aerea – si legge in una nota di Alitalia – è lieta di collaborare a questa iniziativa che rientra nella strategia di marketing territoriale di promuovere e valorizzare le iniziative culturali delle singole regioni d’Italia”. La compagnia di bandiera collega la Puglia con voli diretti da Roma, Milano Linate e Venezia verso Bari e Brindisi, da Torino e Bologna verso Bari a prezzi molto convenienti: da Roma a Brindisi, andata e ritorno, il volo costerà 39 euro, mentre da Milano Linate 53 euro. L'accordo sembrerebbe guardare avanti. Il riconosciuto tallone d'Achille della provincia di Lecce, che ha retto molto bene alla crisi economica anche nel settore turismo, è proprio quello dei trasporti: raggiungere la terra de “lu sule, lu mare e lu ientu” è impresa costosa e difficile, specie per i più giovani. L'esperienza dell'Italia Wave Love Festival insegna: con i concerti a pagamento e le tariffe di treni e aerei da pagare, molti, specie dal Nord Italia, hanno rinunciato a seguire l'evento musicale trasferitosi da Arezzo in Puglia. La Notte della Taranta corre ai ripari e si attrezza. A fine estate, si trarranno le conclusioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment