Cripta di Cursi: prime denunce

Deferito all’Autorità Giudiziaria il tecnico direttore dei lavori per il reato di truffa

A conclusione di un’attività d’indagine delegata dalla Procura della Repubblica di Lecce, le Fiamme Gialle di Maglie hanno denunciato il direttore tecnico dei lavori incaricato alla realizzazione di un nuovo polo museale nei pressi di un sito archeologico del basso Salento e di due responsabili del procedimento, per l’ipotesi di reato di truffa e falso. Si tratta, in particolare, della cripta di Santo Stefano e San Giorgio a Cursi, già a centro di un’inchiesta della magistratura e di numerose polemiche per presunte irregolarità nei lavori di restauro. Le indagini hanno permesso di appurare che il tecnico aggiudicatario dell’appalto ha richiesto e ottenuto il pagamento di un compenso professionale difforme rispetto a quello indicato nel contratto di appalto in sede di aggiudicazione dell’incarico. Il professionista avrebbe presentato al Comune appaltante una parcella che con l’aggiunta dell’Iva e degli oneri contributivi superava l’importo a base d’asta, contravvenendo così a quanto inizialmente previsto dalla gara d’appalto. Tale irregolarità non era rilevata dai responsabili del procedimento, i quali ne ravvisavano, invece, la regolarità. In relazione ai fatti, i militari hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il tecnico direttore dei lavori per il reato di truffa ed i due responsabili del procedimento per il reato di falso. Inoltre, da sopralluoghi eseguiti presso il cantiere è stato accertato che l’impresa esecutrice dei lavori di scavo ha intercettato e parzialmente distrutto un silos medievale, tenendo all’oscuro dell’accaduto la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Taranto. Per tale situazione, il legale rappresentante dell’impresa è stato denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce per distruzione di beni archeologici ed esecuzione di ricerche archeologiche senza le previste autorizzazioni. Articolo correlato Cripta bizantina di Cursi: sit in sotto la Procura (14 dicembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!