Select your Top Menu from wp menus

Piano Sud: 1,2 miliardi alla Puglia

Arrivano i finanziamenti del Piano per il Sud alla Regione Puglia. Risultato di una partita giocata sul dialogo

Ieri si è diffuso un grande entusiasmo, e non solo tra le file del centro-destra, per l'approvazione del CIPE all’utilizzo dei fondi del Piano Sud redatto dal ministro Raffaele Fitto. Mentre a Montecitorio si discuteva sulle sorti economiche del Paese, lo stesso ministro per i Rapporti con le Regioni e il governatore Nichi Vendola diffondevano una nota congiunta: «al termine di un lungo, silenzioso e proficuo lavoro svolto con senso di leale collaborazione, abbiamo selezionato un insieme di opere infrastrutturali di rilievo strategico, nazionale e regionale, per un valore di 1,2 miliardi di euro, opere che possono essere fatte partire molto rapidamente, con modalità attuative rese più celeri e certe nella tempistica grazie al ricorso al contratto istituzionale di sviluppo”. Il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone parla di “momento storico”: “il Piano Sud che vede la luce e diventa realtà con l’ultimo e decisivo via libera del CIPE è uno straordinario successo di una politica fortemente meridionalista. Un Piano di assoluta concretezza, di interventi infrastrutturali tangibili e realizzabili nell’immediato, di infrastrutture che consentiranno anche al sistema Salento di fare quel salto di qualità tanto auspicato per essere locomotiva di testa del riscatto economico del meridione d’Italia”. Il finanziamento, per la sola provincia di Lecce, prevede nell'ambito dell'intervento stradale la costruzione della Strada Statale 7 TER SALENTINA – Itinerario Bradanico Salentino; i lavori di ammodernamento del tronco Manduria – Lecce; il completamento funzionale della variante di San Pancrazio Salentino 1° Lotto – 2° Stralcio; l'itinerario Gallipoli-Otranto – SP 361 – Variante di Alezio; l'itinerario Gallipoli-Otranto; la strada provinciale 361 – Variante di Collepasso; l'itinerario Gallipoli-Taranto con allaccio alla Strada Statale 7 ter – Variante di Nardò – III lotto; l'itinerario Ionio-Adriatico Nord – Completamento in sede e Variante Porto Cesareo-Casalabate (compresa SP Squinzano- Casalabate); la diramazione Sud itinerario Gallipoli-Otranto; la variante all'abitato di Casarano – III lotto. Per quanto riguarda il turismo, invece, si procederà alla messa in sicurezza geomorfologica delle falesie costiere di territorio di Santa Cesarea Terme e alla protezione delle coste alte in territorio di Gagliano del Capo. Per il settore dedicato ai trasporti, l'intervento riguarderà i lavori di prolungamento del sottopasso ferroviario con annesso nodo intersettoriale per la mobilità e la sosta, lavori propedeutici al ribaltamento della stazione ferroviaria di Lecce, dai piu' indicato come una priorita' ormai non piu' rinviabile. Insomma, in un momento di difficoltà economica generale, da più parti arriva un messaggio positivo che invita al dialogo: “la maturità politica raggiunta in questo frangente dal ministro Fitto e dal governatore Vendola – aggiunge Gabellone – è un messaggio per tutti noi, per tutte le istituzioni impegnate nel governare questo momento drammatico della storia economica e sociale italiana e meridionale; insieme possiamo uscirne con risultati più forti, più concreti e che resteranno a lungo, nel futuro”. Tuttavia, non manca una nota polemica da parte del Partito Democratico: “ il sindaco di Lecce Paolo Perrone probabilmente non si rende conto di essersi assunto una importante responsabilità nel chiedere alla Regione, cui gli ricordiamo spetta la programmazione e la destinazione dei fondi comunitari, di impiegare 24 milioni delle risorse liberate per coprire debiti fuori bilancio della sua amministrazione. Noi ci auguriamo che le pratiche che gli uffici comunali ora dovranno istruire possano superare il vaglio di ammissibilità a questo tipo di finanziamenti e la Città di Lecce si possa salvare dal dissesto”.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!