Antonio Gabellone. Un presidente serio

Giuseppe Venneri commenta l'elezione del presidente della Provincia di Lecce

“Antonio Gabellone saprà essere un presidente serio, capace e produttivo per la nostra Provincia mettendo in campo, nella sua azione amministrativa, quelle qualità umane e politiche che gli sono unanimemente riconosciute e che saranno apprezzate da subito in questa nuova esperienza di governo”. Giuseppe Venneri commenta così l'elezione del presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, ponendo l'accento sui rapporti tra l'ente di Palazzo dei Celestini ed il Comune ionico. “Per Gallipoli – ha detto infatti il primo cittadino – si apre un nuovo corso, fatto di piena collaborazione, impegno sinergico e feeling istituzionale che potrà garantire ottimi risultati in termini di progetti ed iniziative per la crescita della nostra comunità. Sono certo che Gallipoli recupererà il tempo perduto e gli anni di abbandono ed isolamento cui l'ha condotta l'uscente governo di centrosinistra. Del resto i risultati che si sono ottenuti nel recente passato, con gli oltre 20 milioni di euro erogati per la città dall'allora giunta regionale guidata dal ministro Raffaele Fitto, sono una chiara garanzia di come si possa lavorare e bene nell'interesse esclusivo di una tra le realtà più importanti della provincia”. Il presidente Gabellone avrà inoltre tra i banchi di maggioranza del consiglio provinciale due esponenti eletti dal collegio di Gallipoli, vale a dire Salvatore Di Mattina e Sandro Quintana, cui vengono rivolti dal sindaco “vive congratulazioni per l'elezione conseguita e sinceri auguri un proficuo lavoro a vantaggio della comunità provinciale”. Per il primo cittadino si tratta di “un ulteriore rassicurazione, qualora ve ne fosse ancora bisogno, di come le istanze della nostra città riceveranno attenzione e disponibilità dal governo provinciale. L'elezione del presidente Gabellone era già di per sé una garanzia sufficiente in tal senso, ma è chiaro che la presenza di due consiglieri di maggioranza garantirà un utile e valido supporto, a livello operativo, per l'attuazione di progetti per lo sviluppo di Gallipoli”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!