Il rettore risponde a Forza Nuova

In risposta alle accuse di Forza Nuova, da noi pubblicate, il rettore Laforgia cita il rapporto Censis

In riferimento a quanto riportato dalle vostre testate a proposito dei commenti di “Forza Nuova – Lotta studentesca” sulla classifica degli Atenei del Sole24Ore, un commento del Rettore dell’Università del Salento Domenico Laforgia: «Nei giorni scorsi abbiamo registrato un importante successo in quella realizzata dal Censis, che ci colloca al settimo posto tra le università ‘grandi’, ovvero quelle che hanno da 20mila a 40mila iscritti. L’Ateneo salentino precede gli Atenei di Milano Bicocca, Roma Tor Vergata, Roma Tre, Napoli II. Il Censis ha monitorato proprio i parametri dei servizi offerti, delle borse di studio, delle strutture e dei sistemi web, e dei rapporti internazionali per gli anni che vanno dal 2007 al 2010. Questo significa che il prossimo anno il nostro posizionamento sarà ancora migliore perché saranno monitorati tutti gli sforzi che abbiamo fatto nel 2011 in particolare nell’ambito dei servizi. Operiamo in regime di drammatiche ristrettezze economiche e in territorio oggettivamente molto difficile dal punto di vista delle condizioni occupazionali. Nonostante questo, stiamo lavorando duramente anche per il miglioramento della didattica e della ricerca, e con un progetto di internazionalizzazione che certamente ci darà altre soddisfazioni. Non bisogna fare l’errore di chiedere l’impossibile: occorre partire da un’analisi di contesto e tenere sempre presente come Lecce si colloca in ambito nazionale tra i capoluoghi di Provincia. È molto grave che, proprio dal territorio e proprio dai ragazzi, ci vengano attacchi di questo genere, che sottovalutano – quasi sempre per ignoranza – i buoni risultati ottenuti, a tutto vantaggio delle realtà del Nord che di questo ulteriore “aiuto” non hanno proprio bisogno». Artcoli correlati: Orecchie d'asino all'Università del Salento

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!