Greco: ‘Un confronto bipartisan sulla Puglia’

Bari. Il coordinatore regionale Ppdt si dice aperto ad iniziative comuni con chi vede limiti nell'azione di Vendola

BARI – “Apriamo un tavolo di confronto bipartisan sulle politiche fallimentari del governo Vendola e adottiamo iniziative comuni nell'interesse dei pugliesi”. E' il senso dell'invito che il coordinatore della Puglia prima di tutto, Salvatore Greco, lancia a maggioranza e opposizione dopo aver apprezzato le dichiarazioni del deputato Pd Francesco Boccia, critico con le scelte della giunta regionale. “Non è tempo di contrapposizioni sterili e di parte – sostiene Greco -; c'è invece la necessità di riunire le energie di chi sa andare oltre le ideologie e gli schieramenti e sa vedere la situazione drammatica nella quale versa la Puglia. Fa sorridere – aggiunge – la campagna di manifesti del centrosinistra che parla di ticket e tagli al welfare addebitandoli al governo nazionale mentre sanno bene i pugliesi che è Vendola ad aver reintrodotto i ticket sulle ricette, ad aver aumentato l'Irpef e l’imposta sul carburante, e a non aver tagliato l'Irap come pure aveva promesso, caricando sui contribuenti 340 milioni di tasse in più”. In questo contesto di tagli alle erogazione e di aumenti sulle imposte, Greco sottolinea positivamente l’azione di Boccia che a Roma “ha ottenuto il blocco degli aumenti regionali fino al 2013 durante il confronto parlamentare sul federalismo”. “Aver sforato il patto di stabilità per tre anni su quattro – conclude Greco – ha messo la Regione in una condizione a dir poco critica, e le casse chiuse per i prossimi tre mesi sono soltanto la goccia che fa traboccare il vaso. Noi siamo disponibili a fare la nostra parte: mi auguro che siano maggioritari nel centrosinistra coloro che come Boccia mostrano di essere liberi dalla soggezione a Vendola e disponibili al dialogo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment