Specchia, vandali sull’arte

Specchia. Appena inaugurata, la mostra di Marco Gastini presa di mira da teppisti

Specchia. Sgomento e amarezza lunedì sera a Specchia per la scoperta di una serie di disegni e scritte realizzati con un pennarello, apparsi improvvisamente durante le ore di apertura della Personale di Marco Gastini “Miraggi e Riflessi”, in corso di svolgimento presso Palazzo Risolo in Piazza del Popolo: un appuntamento artistico che già la sera dell’inaugurazione, sabato 16 luglio, aveva registrato la presenza di centinaia di visitatori, raccogliendo consensi e critiche molto positive.

Atto vandalico
Atto vandalico

I vandali non si sono limitati a scrivere e disegnare sulle pareti di una sala, ma hanno anche danneggiato un’opera (Corpi nel volo – 2009) di Gastini il quale è rimasto amareggiato e deluso dall’atto, realizzato da un abitante di quel territorio che l’artista ha amato fin dal primo momento, eleggendo il Salento come sua terra d’adozione: una terra dove i colori e la luce del sole sono protagonisti quotidiani, raggiungendo esplosioni cromatiche impossibili da trovare in altri luoghi.

Atto vandalico
Atto vandalico

Grande sconforto anche da parte di Marina Senin Forni, anch’essa innamorata del Salento e di Specchia e che, impegnandosi fortemente, ha ideato la mostra e ha voluto l’evento artistico proprio nella cittadina; qui, fin dallo scorso anno, ha creato inoltre “Spazio Cactus”, concept store e location per eventi artistici, dove si svolge anche parte della mostra di Gastini, “Terre e altre storie”, in cui l’artista propone opere in terracotta prodotte nei laboratori di artigiani salentini. Marina Senin Forni ha denunciato ai Carabinieri l’incidente. L’evento tuttavia prosegue regolarmente sino al prossimo 4 settembre, tutti i giorni dalle 18.00 alle 22.00, con una serie di altri appuntamenti di alto spessore culturale distribuiti nel mese di agosto.

Atto vandalico

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!