Racket. Imprenditori impreparati

Lecce. I risultati dello studio di associazione Antiracket, Confesercenti, Confcommercio e Federcommercio

LECCE – Gli imprenditori conoscono poco e nient'affatto le disposizioni normative contro il fenomeno criminoso del racket e dell’usura. E’ ciò che emerge dallo studio condotto nei mesi scorsi dell’associazione Antiracket Lecce in partenariato con Confesercenti, Confcommercio, e Federcommercio. I dati raccolti sono stati resi noti oggi dal presidente dell’associazione, Carlo Miccoli. Le classi datoriali sono state impegnate in lezioni mirate a colmare la mancata conoscenza delle leggi nazionali a tutela delle vittime del racket. I questionari, compilati in forma anonima tra il gennaio 2008 ed il dicembre 2010, sottoposti agli imprenditori, sono stati analizzati dal prof. Paolo Pellegrino e Giacomi Fronzi dell’Università del Salento. L’analisi è stata condotta su 784 moduli, un terzo dei quali riguardano la città di Lecce ed il resto si riferisce al territorio della provincia salentina, generalmente considerata la più sicura tra le pugliesi. Le risposte fornite dagli imprenditori tuttavia fanno riflettere sulla scarsa attenzione nei confronti di certe tematiche, pur di interesse diffuso, e probabilmente anche su un difetto di informazione in merito. Il 22,5% degli intervistati ha riconosciuto di non aver saputo se conoscenti fossero oggetto di richieste estorsive; questo dato fa riflettere in quanto potrebbe diepndere da una scarsa percezione del fenomieno: ovvero, pur vittima di rachket i titolari di attività potrebbero non riconoscere di esserlo; un altro spunto di riflessione è fornito dal fatto che solo il 24% di chi ha compilato il questionario ha dichiarato di conoscere forme di tutela e di indennizzo per le vittime di estorsione. Ciò potrebbe essere un segnale del rapporto di distanza percepito tra imprenditori ed istituzioni di controllo e di tutela. Da qui certamente dovranno partire eventuali (e necessarie) manovre attuate da parte di Enti e forze dell'ordine a contrasto del fenomeno.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!