Circonvallazione. Da oggi aperta al traffico

Casarano. L’opera è costata 14,5 milioni di euro; l’85% dell’importo è stato messo a disposizione dal Cipe

CASARANO – Il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, ha inaugurato il primo tratto della Circonvallazione di Casarano, che da ieri mattina è ufficialmente aperta al traffico. L’importante opera pubblica, da tempo attesa da Casarano, il suo comprensorio, la zona industriale, l’intero tessuto produttivo e da tanti comuni del Sud Salento, servirà a decongestionare il traffico veicolare all’interno della città, diventata negli ultimi anni una vera emergenza. Alla cerimonia di inaugurazione della tangenziale hanno preso parte l’assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Massimo Como; l’assessore provinciale alla Gestione del Territorio, Gianni Stefano; il Commissario prefettizio del Comune di Casarano, Giovanni D’Onofrio; alcuni sindaci dei Comuni del comprensorio; il consigliere provinciale del collegio Casarano-Supersano, Gabriele Caputo. La Circonvallazione di Casarano è stata realizzata con l’85% delle risorse intercettate all’esterno, grazie a finanziamenti del Cipe, che ha riconosciuto la straordinaria valenza dell’arteria, destinando ben 12 milioni di euro su 14,5 al finanziamento dell’opera, costata alle casse provinciali solo per i restanti 2,5 milioni di euro di lavori. Oggi, tuttavia, è stato inaugurato solo il primo tratto dell’opera pubblica (1° e 2° lotto) che, secondo l’opposizione di Palazzo dei Celestini, rischia di rimanere incompleta per la presunta mancanza di fondi necessari al suo completamento. Durante il suo intervento, il presidente Gabellone ha fatto un cenno alla questione, ricordando come la Provincia “sia fortemente impegnata ad intercettare risorse provenienti da Regione e Governo, per arrivare quanto prima al finanziamento ed alla realizzazione del 3° e ultimo Lotto della Circonvallazione, che così nel complesso dovrebbe aggirare Casarano, snellendo la mole del suo traffico veicolare e migliorando la qualità dei servizi resi alle aziende del territorio”. 6 luglio 2011 Circonvallazione. Taglio del nastro. Ma solo per il primo tratto CASARANO – Taglio del nastro dell’imponente “Circonvallazione di Casarano”. La cerimonia di inaugurazione si svolgerà questa mattina (ore 10.30) sul viadotto dell’arteria raggiungibile dalla rotatoria in corrispondenza della strada provinciale n. 68 Casarano–Taviano (contrada “Cormuni”). Sarà il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, a inaugurare l’importante via di comunicazione che dovrebbe alleggerire la città di un notevole volume di traffico veicolare e di vagonate di emissioni di CO2. Alla cerimonia è prevista, tra gli altri, la partecipazione dell’assessore provinciale ai Lavori Pubblici, Massimo Como; l’assessore provinciale alla Gestione del Territorio, Gianni Stefano; il Commissario Prefettizio del Comune di Casarano, Giovanni D’Onofrio; i sindaci di tutti i comuni del comprensorio ed il consigliere provinciale del Collegio, Gabriele Caputo. Costata 14,5 milioni di euro, l’arteria era da tempo attesa da Casarano, il suo comprensorio, la zona industriale, l’intero tessuto produttivo ma anche il cuore urbano di tanti comuni del Sud Salento, che potranno anche tornare a “respirare”, con gli ingenti volumi del traffico di mezzi e prodotti che si sposterà naturalmente, verso questa arteria. La Circonvallazione di Casarano è stata realizzata con l’85% delle risorse intercettate all’esterno, grazie a finanziamenti del Cipe, che ha riconosciuto la straordinaria valenza di questa realizzazione, destinando ben 12 milioni di euro su 14,5 al finanziamento dell’opera, costata alle casse provinciali solo per i restanti 2,5 milioni di euro di lavori. Oggi, tuttavia, si inaugura solo il primo tratto dell’opera che, secondo l’opposizione di Palazzo dei Celestini, rischia di rimanere incompleta per la presunta mancanza di fondi necessari al suo completamento. Nelle scorse settimane è stato questo l’oggetto di un’aspra polemica tra maggioranza e opposizione. Intanto, il movimento politico “Liberacittà” lancia l’allarme sulla sicurezza delle rotatorie, in particolare quella che segna l’inizio della tangenziale in prossimità con la strada statale Casarano-Taurisano. Sabato scorso, infatti, un giovane centauro è uscito fuori strada in prossimità del rondò, subendo alcune ferite gravi. Non è stato il primo incidente in quel punto (ne sono successi altri cinque) ma il più grave. “E’ una rotatoria anomala – sostiene Massimo D’Aquino, consigliere comunale uscente del movimento – perché è troppo decentrata rispetto al centro carreggiata e quindi non è per niente visibile. Tra l’altro, non è assolutamente illuminata ed è scarsamente segnalata. Con quella rotatoria – conclude l’esponente di “Liberacittà” – è stato creato un problema in più ai cittadini”. // Tre anni di lavori I lavori del tratto della tangenziale che si inaugurerà questa mattina sono iniziati il 16 luglio 2008 e sono costati 14 milioni e mezzo di euro. La parte di arteria completata comincia dall’intersezione alla strada statale Casarano-Taurisano (SS 475) e termina quando incrocia la Casarano-Taviano (SP 321), in contrada “Vora”, dopo aver sopraelevato la Casarano-Ugento (SP 72), la Casarano-Melissano (SP 263) e la Casarano-Taviano (SP 68). La strada è stata realizzata a 2 corsie, larga ognuna per 3.75 metri con banchine laterali da 1.50 metri, e si sviluppa, quando sarà completata, per una lunghezza complessiva di circa 2.950 metri. L’intera circonvallazione, che terminerà vicino alla zona industriale, comprende cinque rotatorie provviste di impianti di illuminazione, due viadotti a sei campate e un viadotto a undici campate. Lo smaltimento delle acque di piattaforma è stata realizzato con un sistema chiuso di raccolta con condotte.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!