275. Salento o Beirut?

Tricase. Incroci senza rotatorie e frequenti incidenti stradali. L’ultimo è stato segnalato dal sindaco Lia

TRICASE – Due-tre punti sembrano ostruire l’itinerario dell’attuale strada 275 che collega Maglie a Leuca. Uno è quello all’altezza dell’incrocio di Lucugnano, all'altezza degli innesti per Tricase, Specchia e Miggiano, dove da settimane si verificano puntualmente incidenti automobilistici che nel tempo hanno divelto e distrutto quasi del tutto la segnaletica dell’incrocio. L’ultimo nella serata dell’altro ieri. Risultato? Semafori non funzionanti, alcuni pali con le indicazioni stradali a terra, confusione nella circolazione stradale e serio rischio di ulteriori collisioni. “Verso le ore 18 del 5 luglio scorso, mi sono recato all’incrocio situato alle porte di Lucugnano, – racconta Antonio Lia, presidente del Gal Santa Maria di Leuca ed ex sindaco di Specchia – e ho rilevato uno scenario davvero raccapricciante. Dopo l’ennesimo incidente stradale tra un paio di automobili, e tutta una serie di simili precedenti, la segnaletica è stata molto compromessa. Sembra di stare a Beirut dopo il bombardamento. Quando ero sindaco – dice ancora Lia – mi sono battuto non poco per allargare questo punto stradale e ora non capisco come mai non sia stata nemmeno prevista una rotatoria. Da nessuno. Mi chiedo: perchè si continua da nove mesi a tenere questa intersezione in condizioni pietose? Perché nessuno interviene per riparare l’impianto di Lucugnano e la segnaletica? Qualcuno forse, – conclude Antonio Lia – sta aspettando il morto per giustificare le quattro corsie fino a Leuca”? L’altro punto critico è l’incrocio situato vicino alla zona artigianale di Surano, al crocevia delle strade provenienti da Spongano, Ruffano e Montesano: “La situazione qui è davvero al limite, – spiega Luigi Russo di Sos Costa – da due anni le associazioni chiedono di realizzare un rondò di sicurezza, perché le code nel periodo estivo sono estenuanti. Segnalo anche che all’uscita di Miggiano verso Tricase, sempre sulla 275, c’è un altro semaforo molto rischioso, che cosa si aspetta ad intervenire”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!