Mitri nuovo mister del Tricase

Tricase. Molisano d’origini, vive stabilmente nella città salentina. All’ex calciatore la panchina d’Eccellenza

TRICASE – Orazio Mitri e il Tricase. Amore sbocciato quindici anni fa e mai terminato, prima come calciatore e ora in qualità di mister della prima squadra. Un’esperienza inedita quella che Mitri si appresta a vivere dopo l’ultima stagione sul campo d’erbetta conclusa di recente con la casacca del Botrugno, nel ruolo di trequartista. Occasione doppiamente ghiotta perché la carriera di allenatore partirà tra le mura amiche. Il presidente tricasino Alfredo Stefanelli non ha pensato due volte prima di affidargli alcuni giorni fa la panchina della nuova squadra, che va a formarsi, per il prossimo torneo di Eccellenza: “Sono molisano di origini, ma ormai vivo a Tricase stabilmente – afferma Mitri -, non vedo l’ora di cominciare questo nuovo impegno. Non sarà di certo facile ma le motivazioni e le emozioni ci sono tutte, sembra come se rivivessi i primi periodi di quando cominciai a giocare a calcio”. 42 anni, punta di diamante del Tricase dal 1996 al 98, proprio nel periodo della serie C/2, tornato nella città del basso Salento nel 2009 per un paio di stagioni, Orazio Mitri si fida della società ed elogia la gestione Stefanelli: “A differenza di altre società che sono solite rifilare spesso e volentieri dei bidoni ai calciatori, il Tricase ha dimostrato nei fatti di essere seria e di parola; forse quest’anno è stata una delle poche a pagare gli stipendi ai calciatori con regolarità e fino alla fine. E questo non è che un bene”. Intanto, sul fronte della rosa in campo, si starebbero per concludere gli ingaggi di Manco, De Braco, Volturno, De Benedictis, Mastria, Patruno e Garrapa. Oltre al rinnovo per alcuni pilastri del gruppo come Striano, Ruberto, Citto, Jonas Rizzo, Cesari. Quasi per certo se ne andranno Cimino, Corvaglia, Ponzo e Bono. L’assetto societario rimarrà in sostanza invariato, anche se nelle intenzioni di Stefanelli c’è la volontà di allargare ad altri imprenditori del Sud Salento che vorrebbero affiancarsi e dare nuova linfa. Nunzio Dell’Abate è confermato come direttore generale, Rocco Maglie segretario mentre Angelo Sanapo sarà responsabile del settore giovanile. “Riguardo ai nuovi acquisti, occorre dire che fino alla firma non si può mai dire mai, comunque stiamo cercando di allestire una squadra con calciatori della zona e ottimi under che abbiamo potuto visionare nel raduno di fine giugno al San Vito”, spiega Mitri. Il mister non si sbilancia sulle altre squadre, anche perché non si è entrati nelle fasi calde della campagna acquisti, dice soltanto che “non vedo molti movimenti nelle nostre più vicine avversarie cioè Racale e Copertino, mentre noto attivismo di mercato nel Monopoli il quale probabilmente si sta attrezzando per i primi posti se non per vincere il campionato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!