Campi: arrestato per maltrattamenti e tentato omicidio

Scenate violente e minacce di morte: il giovane era da tempo in conflitto con i familiari per il proprio legame sentimentale

Ieri pomeriggio, l'intervento dei Carabinieri della Stazione di Squinzano con il supporto del personale dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Campi Salentina ha forse evitato il peggio. Stefano Pesimena, venticinquenne nativo di San Pietro Vernotico, incensurato, è stato protagonista in negativo di una vicenda di tensioni familiari che nell’ultimo episodio ha rischiato il tragico epilogo. Il giovane da tempo era in conflitto con i familiari a causa del proprio legame sentimentale mal digerito, e litigi, scenate violente e minacce anche di morte erano sempre più frequenti. Così, all'ennesimo scambio di battute con il padre, il giovane perde il controllo, distrugge oggetti e suppellettili della casa paterna e preleva un grosso coltello da cucina, che prima punta verso di sè e poi contro il genitore con l'intento di colpirlo. Solo l'intervento di altri due fratelli e di una parente accorsa scongiura il peggio. Ma Stefano è ormai una furia: minaccia di morte i presenti e fugge via in auto. Pochi minuti dopo giunge sul posto la pattuglia di Carabinieri di Squinzano, cui basta poco per comprendere la gravità dell’accaduto e la necessità di catturare in fretta il fuggitivo; la condizione di pericolo appare chiara anche considerato che in quei minuti Pesimena continua a telefonare a genitori e fratelli per minacciarli, avendo essi chiesto l'intervento dei militari. Insieme alle minacce, però, arriva improvvisa la richiesta di recapitargli a Torre San Gennaro, in agro di Torchiarolo, degli indumenti e la tenda da campeggio: evidentemente il giovane ha capito di essere ricercato e vuole rendersi irreperibile. Non sa che però i Carabinieri sono sulle sue tracce. Le Forze dell'Ordine seguono con discrezione il fratello incaricato di fare da “corriere, appostano in borghese sul lungomare di Torre e presidiano le vie di accesso alla zona in cui è fissato l'appuntamento per la consegna. Sono le 15 circa: Stefano, ignaro di essere osservato, giunge nei pressi di una panchina su cui minuti prima gli erano stati lasciati gli oggetti richiesti, ma non ha il tempo di fare altro perché viene subito bloccato dai militari e condotto in caserma, a Squinzano. Dopo alcune ore di accertamenti, per lui si delinea l'accusa di tentato omicidio e di maltrattamenti in famiglia. Scatta l’arresto d’intesa con il Pubblico Ministero di turno della Procura di Lecce, Dott.ssa Guglielmi. Conseguente, il trasporto presso il carcere di Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!