Ragazzi, fate gruppo. Due progetti

Poggiardo. Il “Mediterranean Sound” andrà avanti fino al 7 lugio; il “The Time of Environment” si è appena concluso

POGGIARDO – Poggiardo crocevia delle musiche e dei saperi dei paesi del bacino mediterraneo. Si chiama “Mediterranean Sound” ed è un progetto di scambio culturale internazionale promosso dalla Commissione Europea Istruzione e Cultura, e curato da Valeria Carluccio presidente dell’associazione culturale “Jump in” con il patrocinio e sostegno della Regione Puglia, dell’amministrazione poggiardese sotto la supervisione dell’Agenzia nazionale giovani della Commissione Europea. L’idea coinvolgerà per otto giorni a Poggiardo, fino al 7 luglio prossimo, 20 giovani provenienti da Tunisia, Algeria, Grecia e Italia, che svilupperanno il tema della musica, intesa come un’arte capace di mescolare e fare gruppo, come mezzo di mediazione interculturale e di conoscenza delle altre culture. Ad aprire le attività ogni mattina il “Warm up”, programma che prevede l'organizzazione di energizer, giochi di intrattenimento e riscaldamento proposti ogni giorno da un Paese diverso. A seguire i “Team buildings games” e i “Giochi di fiducia”, altra serie di attività volte rispettivamente a creare e rafforzare il gruppo di 36 giovani e a svilupparne sentimenti di reciproca fiducia. Si è concluso invece “The Time of Environment”, un’altra iniziativa finanziata dall’Agenzia Italiana dei Giovani nell’ambito del Programma Gioventù in Azione, azione 1.1 organizzata dalla polisportiva Pro Loco Unpli di Poggiardo dove 35 ragazzi, tra i 18 e i 25 anni provenienti da Italia, Spagna, Germania, Romania e Slovenia e la dottoressa Francesca Lupo, responsabile monitoraggio, accredito e diffusione delle attività dell’Agenzia Italiana dei Giovani si sono confrontati su tematiche riguardanti ambiente e turismo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!