Antonio Memmi, direttore Nuova Salento energia

Casarano. Nominato il nuovo direttore generale della società della Provincia di lecce che si occupa di efficienza energetica

Eccolo il volto nuovo del nuovo corso della “Nuova Salento energia”. E’ stato nominato il direttore generale della società della provincia di Lecce, nata dalle ceneri della Salento energia, messa prima in liquidazione (di cui erano soci l’Università di Lecce e la Italgest Spa) e poi revocata. Si tratta di Antonio Memmi, classe 1967, di Casarano. La nomina, sottoscritta dal presidente della provincia di Lecce, Antonio Gabellone, è stata motivata dalle “competenze propriamente guridiche, che gli rivengono dalla laurea in giurisprudenza”. Il decreto di nomina del presidente Gabellone precisa che Antonio Memmi “assomma in sé diverse esperienze di collaborazione presso società con funzioni direttive. E di amministratore di enti locali, che rassicurano su un corretto adempimento dell’incarico di direttore generale, sotto il profilo non solo gestionale, ma anche di regolarità tecnico, giuridico e amministrativa”. Non è dato sapere a quanto ammonta la retribuzione dell’incarico, di durata annuale, prorogabile. La Nuova Salento energia si dovrebbe occupare di efficienza energetica, coordinando l’attività di verifica e controllo sugli impianti energetici e promuovendo la diagnosi e la certificazione energetica sui patrimoni edilizi pubblici e privati. Antonio Memmi nel corso degli anni ha aderito a vari partiti (Dc, Ccd, Patto Segni, Udeur, “Giovani Democratici”, Ppi, Margherita, Pd, “La Puglia prima di tutto”). E’ stato più volte consigliere comunale e assessore ai servizi sociali nell’ultima amministrazione guidata da Remigio Venuti. E’ poi passato al centrodestra, appoggiando la candidatura di Gianni Stefàno, dal cui assessorato alle politiche energetiche dipende la “Nuova Salento energia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!