Piante di Marijuana per tutte le stagioni

Caprarica di Lecce. In arresto Salvatore Saracino Crocifisso, già noto ai carabinieri per reati relativi allo spaccio e detenzione di stupefacenti

CAPRARICA DI LECCE – L’estate è ufficialmente iniziata e con l’arrivo dell’estate, le forze dell’ordine potenziano i controlli, soprattutto quelli finalizzati al contrasto del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti. E’ stato così che nella prima serata di ieri, i carabinieri della Stazione di Calimera hanno tratto in arresto Salvatore Saracino Crocifisso, 59enne commerciante del posto, poiché trovato in possesso di diverse piante di marijuana, già noto alle forze dell’ordine per reati dello stesso tipo.

Marijuana

Da tempo i militari avevano intuito che l’uomo potesse essere ancora attivo nello smercio di narcotici e per questa ragione nei giorni scorsi hanno effettuato servizi di controllo per monitorare le abitudini del soggetto. Sapendo che questi poteva custodire in casa sostanze stupefacenti, nella prima serata di ieri hanno fatto scattare il blitz a casa del commerciante: nel corso della perquisizione, estesa anche ad un giardino, sono state rinvenute 17 piante di marijuana perfettamente conservate. Di esse, due superavano addirittura il metro e sessanta, risultando pronte per potere essere utilizzate; le altre erano tutte di dimensioni minori fino alla più piccola, alta solo 30 centimetri. Il particolare non è da poco in quanto si ritiene che la lunghezza diversa possa essere legata all’esigenza di produrre costantemente, tutto l’anno, sostanza da commercializzare.

Marijuana

Informato il magistrato di turno alla Procura di Lecce, Saracino è stato condotto presso il carcere di Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!