Salento in bus, si parte

Lecce. Tra le novità di quest’anno: opuscoli, call center, un sito internet ed hostess e steward al servizio dei turisti

LECCE – Riparte oggi “Salento in bus”, il servizio di trasporto che la Provincia di Lecce organizza anche quest’anno per chi ha scelto di passare le vacanze nel Salento e per i cittadini del territorio provinciale. Da oggi, dunque, e fino al 5 settembre, le nove linee di “Salento in bus” consentiranno di viaggiare tra le località più belle del Salento in completa sicurezza. “L’iniziativa – ha dichiarato l’assessore ai Trasporti e Mobilità della Provincia di Lecce Bruno Ciccarese – nonostante le difficoltà economiche che si stanno attraversando, è stata fortemente voluta dalla Provincia nella certezza di rendere ai cittadini ed al territorio un servizio utile e nella consapevolezza che il servizio darà un valido contributo al settore economico del turismo”. “Salento in bus” quest’anno farà registrare delle novità. Infatti, è già on line il nuovo sito www.salentoinbus.provincia.le.it, sul quale si possono trovare gli orari dei servizi di trasporto e tutte le altre notizie che aiuteranno ad una comoda ed efficiente fruizione dei servizi di trasporto. Inoltre, saranno diffusi sul territorio circa 40mila opuscoli con tutte le indicazioni utili per usufruire del servizio (linee, corse e orari). In più, sono già attivi un call center (3450101095) ed una mail ([email protected]) a cui si può far ricorso per ogni genere di assistenza informativa. Saranno funzionanti, dal 1° luglio, alcuni Infopoint in grado di dare tutte le indicazioni necessarie su come raggiungere le varie località del territorio e dove eventualmente potranno essere comprati i titoli di viaggio. Dalla stessa data, a bordo degli autobus, i passeggeri verranno assistiti da hostess e da steward in grado di fornire ogni genere di notizia inerente sia il servizio di trasporto, sia gli aspetti turistici del territorio salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!