Rinasce il Velodromo degli Ulivi

Rinasce il Velodromo degli Ulivi di Monteroni: concerti, manifestazioni sportive e internazionali in un anno di lavori

Il Velodromo degli Ulivi, assicura il presidente Gabellone, rinascerà grazie all’intervento dell’Amministrazione Provinciale di Lecce, che in un anno di lavori riconsegnerà al Salento questa struttura sportiva, completamente ricostruita, soprattutto polifunzionale nel suo prossimo utilizzo. Coi tempi che corrono, non è un annuncio da poco.  Quindi, dopo 20 anni di abbandono, deterioramento e degrado, la struttura che ebbe l'onore di ospitare i mondiali di ciclismo nel 1976, diverrà “un enorme Centro Polifunzionale al servizio dell’intero Salento, per manifestazioni sportive internazionali, ma anche concerti, eventi, grandi momenti di aggregazione, con una tribuna coperta per mille posti a sedere, più un parterre che all’occorrenza potrà ospitare altri tremila spettatori”.  Materiali nuovi, adeguate dotazioni per i media, bar, locali e centrali tecnologiche, servizi per atleti e pubblico, e zero barriere architettoniche saranno alcune tra le caratteristiche della nuova struttura. L'importo totale dell'operazione ammonterebbe a quasi tre milioni di euro; non male per un'amministrazione sull'orlo del crack. Ben venga, tuttavia, questo nuovo progetto che, nell'attesa di risultati effettivi, darà lavoro e speranze di rinascita tra gli ulivi monteronesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!