Pug. Lecce supera l’esame barese

Modugno. Prima conferenza di co-pianificazione davanti all’assessora Barbanente

MODUGNO – Un altro passo avanti verso il Pug. Il Comune di Lecce supera il primo esame davanti ai tecnici e agli amministratori della Regione Puglia. Positiva è stata giudicata da più parti la prima seduta della Conferenza di Co-pianificazione per la redazione del Piano Urbanistico Generale del Comune di Lecce convocata ieri dal sindaco di Lecce Paolo Perrone presso la sede dell’Assessorato Regionale all’Urbanistica in via delle Magnolie, a Modugno (Bari) e presieduta dall’assessore alla Pianificazione e Sviluppo del Territorio di Lecce, Severo Martini. Nel corso della conferenza è stato illustrato il percorso avviato dall’Amministrazione Comunale per la formazione del nuovo Documento Programmatico Preliminare. Ma non solo. E’ stato esposto anche il metodo adottato per l’elaborazione del patrimonio di dati che finora sono stati raccolti. Elementi fondamentali che costituiscono il sistema delle conoscenze del territorio di Lecce e che rappresenteranno la base per la costruzione degli scenari alternativi del nuovo Piano. Dal canto loro, l’assessore alla Pianificazione territoriale e Urbanistica della Regione puglia Angela Barbanente e il dirigente del settore Nicola Giordano hanno fornito un apporto tecnico-scientifico di notevole rilevanza, sottolineando l’importanza di approfondire in maniera puntuale i vari aspetti ambientale, paesaggistico del territorio comunale e con particolare attenzione al paesaggio rurale, alla fascia costiera, ai Sic (siti di interesse comunitario), alla luce del ruolo di notevole interesse che la città di Lecce riveste nel territorio salentino e pugliese per il suo patrimonio culturale, artistico e paesaggistico. Oltre alla Regione Puglia, attorno allo stesso tavolo erano seduti rappresentanti di altri enti, quali la Provincia di Lecce, il Comune di Lequile e Cavallino, l’Università del Salento, l’AQP, il Consorzio Bonifica Arneo, il Consorzio Bonifica Ugento Li Foggi, l’ASI di Lecce. E’ stata l’occasione per gli amministratori di Palazzo Carafa per confrontarsi con questi enti e acquisire le relative osservazioni tecnico-scientifiche. Il Comune di Lecce ha avuto modo di conoscere eventuali prescrizioni di tipo ambientale, idrogeologico, di assetto del territorio, e via discorrendo. L’obiettivo di questa conferenza era quello di attivare un processo partecipativo di cooperazione istituzionale tra i vari Enti che operano sul territorio attraverso tavoli tecnici monotematici volti ad acquisire ulteriori informazioni ed elaborare previsioni condivise per arrivare a tagliare il traguardo del Pug. Si tratta, dunque, di un processo partecipativo che giunge prima dell’approvazione del documento preliminare. Subito dopo è fissata la seconda conferenza di Co-pianificazione che farà da anticamera all’approvazione definitiva del Piano Urbanistico generale da parte del consiglio comunale. All’incontro sono intervenuti il dirigente del Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio del Comune di Lecce, architetto Luigi Maniglio, il Coordinatore Tecnico del Settore Urbanistico del Comune di Lecce, architetto Maria Antonietta Greco, il gruppo di ricerca tecnico-scientifico, il professor Giovanni Zurlini e il dottor Nicola Zaccarelli dell’Università del Salento, l’architetto Federica Alcozer dell’Università di Genova, l’architetto Afro Carpentieri, l’architetto Benedetta Marangio, l’architetto Tiziana Marra, l’architetto Emanuela Marulli, l’architetto Alessandro Pascali del gruppo di supporto del Comune di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!