La miniera d’oro degli antidepressivi

I problemi della vita commercializzati come “malattia”

Op-EdNews – 5 giugno 2011 di Martha Rosenberg La scoperta che molte persone con problemi di vita o occasionalmente di cattivo umore avrebbero volentieri assunto antidepressivi ha guidato le case farmaceutiche attraverso gli anni 2000. Sono stati investiti 4,5 miliardi di dollari di pubblicità diretta al consumatore per convincere le persone che non hanno problemi con il loro lavoro, l'economia e la loro famiglia… hanno la depressione! Che guarda caso non può essere diagnosticata da un esame del sangue. Purtroppo, tre cose hanno prosciugato la miniera d’oro degli antidepressivi. I brevetti dei campioni di vendita sono scaduti e i farmaci generici hanno preso piede, gli antidepressivi sono stati collegati con atti di violenza raccapriccianti e imprevedibili, soprattutto nei giovani e… sono pure inefficaci, come confermano molti articoli medici! In seguito le case farmaceutiche hanno scoperto la “depressione resistente al trattamento”. Non è che i loro farmaci non funzionino o che voi non abbiate la depressione in primo luogo.. è che la “depressione è resistente al trattamento”! Il vostro primo, costoso e pericoloso farmaco deve essere associato con farmaci più costosi e pericolosi, perché in monoterapia, un farmaco da solo, non stava funzionando! Bisogna ammirare l'audacia delle case farmaceutiche per questa strategia di vendita. Aggiungere farmaci per la vostra depressione resistente al trattamento triplica le dosi e i pazienti non sanno quale farmaco sta funzionando perciò li prendono tutti e i farmaci inefficaci passano inosservati! (Perché il problema siete voi!) Oggi le case farmaceutiche hanno una nuova campagna per tenere a galla la barca degli antidepressivi: la depressione è “progressiva”. Una volta, quando la depressione non era né stagionale, né atipica, né bipolare né resistente al trattamento, era considerata una malattia dallo sviluppo limitato. In realtà, quasi l'unica cosa buona che si potrebbe dire della depressione è che non durerà per sempre. Ma ora, le campagne di marketing delle case farmaceutiche stanno posizionando la depressione allo stesso livello intimidatorio d’urgenza normalmente riservato ad eventi coronarici, attacchi d'asma e diradamento osseo: se non ti affretti a prendere le medicine, la tua depressione peggiorerà!! “Episodi depressivi si innescano più facilmente nel corso del tempo,” recita un articolo sul sito web medico Medscape (affiancato da annunci per un noto antidepressivo). “Come aumenta il numero di episodi di depressione maggiore, il rischio di episodi successivi è previsto più dal numero di episodi precedenti che dal verificarsi di uno stress nella vita recente”. L'articolo, intitolato sfacciatamente “Neurobiologia della depressione: il disturbo depressivo maggiore come malattia progressiva,” è stato scritto da Vladimir Maletić che si dà il caso abbia prestato servizio nell’Ufficio Stampa della Eli Lilly – dice la nota informativa – e i suoi co-autori sono dipendenti e/o azionisti della Lilly. Prima della pubblicità diretta al consumatore, il sistema sanitario era attento a prevenire i trattamenti eccessivi e a rassicurare i pazienti sul fatto che probabilmente stavano bene. Chi si ricorda del “Prenda due aspirine e mi chiami domattina?” Oggi ai pazienti viene assicurato che probabilmente non stanno bene e probabilmente hanno una malattia progressiva. Per fortuna la loro malattia può essere trattata con progressive prescrizioni delle case farmaceutiche. Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche e di avvalersi sempre di un medico se si decide di smettere di assumere terapie a base di psicofarmaci. Inoltre può segnalare al Responsabile di Farmacovigilanza gli effetti indesiderati compilando il modulo apposito che può trovare nel sito: http://www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/tipo_file07d6.pdf Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!