A casa dell’istruttore, la ‘farmacia’ degli anabolizzanti

Casarano. L’uomo, un 40enne del posto, è stato denunciato. Rivendeva le sostanze dopanti ad atleti presso le palestre salentine

CASARANO – Una vera e propria piccola “farmacia” di anabolizzanti nella casa di un istruttore di body building. E’ quanto hanno scoperto i militari della tenenza di Casarano che hanno accertato che lo sportivo importava i medicinali illegalmente dall’estero e, rivendendoli a centinaia di euro a confezione, alimentava il mercato nero clandestino delle palestre salentine, rifornendo gli atleti gravitanti nel mondo di tale specialità. Lo smercio delle sostanze dopanti sequestrate dalle Fiamme Gialle avveniva in maniera piuttosto semplice: l’appuntamento di solito veniva concordato presso una delle tante palestre della zona dove, in tutta tranquillità, avveniva lo spaccio tra l’istruttore ed il cliente di turno. La scorsa sera, però, all’appuntamento c’erano anche i militari che, dopo aver assistito allo scambio delle fiale dopanti e del denaro (250 euro in contanti), sono entrati in azione sequestrando la merce. Successivamente, un’accurata perquisizione presso l’abitazione dell’istruttore, ha consentito il sequestro di altre sostanze farmacologiche rientranti tra gli steroidi anabolizzanti, la cui vendita è vietata oltreché dannosa per la salute. In particolare, l’uomo, un 40enne del posto, denunciato per violazione del Codice penale e della Legge antidoping, deteneva in casa numerose sostanze dopanti tra cui fialette di testosterone e ormoni vari e aghi da 5 mm iniettabili all’istante, siringhe da insulina. Tra i medicinali sequestrati figurano anche alcuni steroidi anabolizzanti che vengono utilizzati dai culturisti perché danno una sensazione di minor fatica e maggiore resistenza agli sforzi, mentre nella fase di preparazione pre-competizione producono l'aumento delle masse muscolari. Si ricorda che la somministrazione di tali prodotti comporta grandi rischi per la salute degli atleti: dai tumori al fegato e ai reni, alle alterazione della psiche ed alla sterilità. Possono anche comparire acne ed alopecia maschile, una eccessiva aggressività, impotenza e disfunzione sessuale. Il valore complessivo delle sostanze dopanti sequestrate è di alcune migliaia di euro ma la loro collocazione sul mercato clandestino avrebbe fruttato una cifra certamente maggiore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!