PET-TC di Cavallino: tutto ancora bloccato

L'amministratore dell'unico centro PET del Salento scrive alle redazioni per denunciare l'ennesima beffa perpetuata ai danni dei malati salentini

di Giuseppe Calabrese (Amministratore “Centro di Medicina Nucleare Calabrese”) A seguito del colloquio telefonico intercorso tra il sottoscritto Giuseppe Calabrese, amministratore unico del Centro di Medicina Nucleare Calabrese e il Direttore Sanitario dell'ASL di Lecce dott. Sanapo, mi corre l'obbligo di informare i mezzi di informazione e l'opinione pubblica (che da oltre tre anni ci sta sostenendo in questa estenuante battaglia per la messa in funzione dell'unica PET-TC del Salento), che l'obiettivo dell'imminente riapertura della struttura di Cavallino che sembrava cosa fatta, all'indomani dell'accreditamento istituzionale della Regione, viene di fatto reso vano dall'ASL Lecce per ammissione dello stesso dott. Sanapo con il pieno consenso, a suo dire, del Commissario straordinario d.ssa Ciannamea. Il sospirato documento che ci ha concesso l'accreditamento e che, a dire dell'ASL, rappresentava l'unico ostacolo alla concessione del budget per l'inizio dell'attività in convenzione col SSR, con enorme risparmio per le casse regionali e per le famiglie degli ammalati, si è rivelato un foglio di carta straccia senza valore. Tutti ormai, addetti ai lavori e non, hanno capito che effettuare un esame PET-TC fuori dal proprio territorio di residenza costa molti soldi all'ASL di Lecce che deve comunque pagare la prestazione a tariffa superiore a quella prevista per le prestazioni in loco e alle famiglie dei pazienti che devono intraprendere i “viaggi della speranza”. Ciò nonostante la risposta dei vertici dell'ASL alla mia domanda su quando intendano assegnare il budget per iniziare finalmente a lavorare è stata: “non abbiamo i soldi”. Una risposta inaccettabile. A breve convocheremo una conferenza stampa per illustrare per l'ennesima volta i dati incontrovertibili che dimostrano lo sperpero di denaro pubblico operato da Aministratori poco illuminati. Inoltre riferiremo le circostanze che provano come l'ASL imponga ai malati di effettuare gli esami nella lontana San Giovanni Rotondo in quanto Brindisi ha già liste d'attesa di mesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!