Furto nel centro commerciale. In arresto un cliente

Cavallino. In manette è finito Emanuele Zilli, cliente abituale del centro “Brico”. Denunciati altri due uomini per ricettazione

CAVALLINO – Nel primo pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Cavallino hanno arrestato in flagranza per furto aggravato Emanuele Zilli, 36enne di Lecce, cliente abituale del centro commerciale “Brico” di Cavallino. Nello stesso contesto sono stati denunciati due commercianti (di Monteroni e Cavallino) per ricettazione. Già da alcune settimane la direzione del centro commerciale aveva segnalato l’ammanco sospetto di merce, prelevate in varie ore della giornata dagli scaffali interni al centro. Gli immediati accertamenti avviati dai carabinieri hanno portato a Zilli, già noto alle forze dell’ordine per analoghi fatti. E così, nella giornata di ieri, l’uomo è stato bloccato all’uscita del centro commerciale con addosso merce appena trafugata: tre confezioni di chiavi per meccanico, tutto sommato di scarso valore. Alla successiva perquisizione domiciliare presso alcuni locali nella disponibilità di Zilli, i militari hanno rinvenuto merce per un valore di circa 2mila euro. Considerati i precedenti e la rilevanza del fatto, l’uomo è stato arrestato. Ma gli accertamenti non si sono conclusi qui, ed anzi sono proseguiti anche sulla scorta della ricostruzione resa possibile dall’individuazione della complessiva merce rubata: l’indagine, condotta con estrema rapidità, ha permesso di identificare due uomini, M.C. e P.G., di Monteroni e Cavallino, individuati come i “clienti” di Zilli. A loro i carabinieri hanno sequestrato alcuni impianti di videosorveglianza, risultati oggetto di furto presso il “Brico”, che sono loro costati una denuncia a piede libero per ricettazione

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!