Amministrative 2012. Perrone: ‘Mi candido alle Primarie’

Lecce. L’annuncio ufficiale è arrivato. Ed anche la sfida, soprattutto ad Adriana Poli Bortone, è stata lanciata: “Chi si ritiene più forte di me – ha detto il sindaco – si faccia avanti”

LECCE – “Sono pronto per le primarie. Se c’è un candidato che si ritiene più forte di me, si faccia avanti”. Non teme confronti, Paolo Perrone, sindaco di Lecce e già candidato alle prossime Amministrative. Quelle che si terranno nella prossima primavera. Quelle che hanno già infiammato la politica locale. Ieri in conferenza stampa Perrone ha parlato chiaro: “Sono io il candidato designato dai vertici del Pdl – ha detto – ma nonostante ciò, non voglio che la mia candidatura sembri una imposizione dall’alto. Mi sottoporrò comunque alle Primarie, se si faranno, e lascerò decidere ai cittadini”. Dichiarazioni che forse si erano rese ormai necessarie, data la difficile situazione che il Pdl cittadino sta affrontando. Ed infatti il primo cittadino ha spiegato le motivazioni che lo hanno portato a dichiararsi uno degli sfidanti alle Primarie. Sono tre: la necessità di allargare la coalizione di centrodestra anche a forza come l’Udc e Regione Salento, soprattutto alla luce dei non brillanti risultati elettorali; la necessità di dare voce ai cittadini al fine di individuare il candidato migliore che possa meglio rappresentarli e quindi garantire il successo alle urne; smorzare le polemiche, per il bene della coalizione. Tasto dolente: Adriana Poli Bortone e la sua presenza in gara. “Dovrà sottoporsi anche lei alle Primarie del centrodestra – ha detto Perrone – ma prima entrare nel centrodestra. Finché ne sarà fuori sarà una mia avversaria politica. Se dovesse rientrare nel Pdl come già sta facendo a Roma, e dovesse vincere le Primarie, avrebbe tutto il mio appoggio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!