‘Strage di alberi sulla Sp 361’

Il Coordinamento civico lancia l’allarme contro la rimozione di alberi lungo la Maglie-Collepasso. La zona ricade peraltro nel Parco dei Paduli

Dal Coordinamento Civico per la Tutela del Territorio, della Salute e dei Diritti del Cittadino arriva l'allarme per una presunta strage di alberi che si starebbe consumando nella zona della strada provinciale 361, sul tratto Maglie-Collepasso. L'associazione avvisa la Provincia di Lecce e la Regione Puglia affinché intervengano per tutelare la vegetazione e tutelare gli espianti, come da legge. La causa della rimozione degli alberi sono i lavori di allargamento della carreggiata e la rettificazione di una curva. Come testimoniano alcune foto scattate sul posto, un intero filare di ulivi è già stato eliminato e un altro gruppo sarebbe stato marcato con della vernice rossa, quindi sarebbe, presumibilmente, prossimo al taglio. Gli attivisti non discutono le buone motivazioni di fondo dei lavori, che tendono alla massimizzazione della sicurezza e scorrevolezza stradale; evidenziano, tuttavia, come un'operazione agronomica di questo tipo, che andrebbe effettuata con tecniche ecosostenibili, si stia consumando con un abbattimento di vegetazione senza criterio. Inoltre, il tutto sta avvenendo in un'area dove la Regione ha anche previsto e iniziato a tutelare il Parco dei Paduli – Foresta Belvedere. La zona compresa nell'allargamento della strada provinciale vanta, infatti, la presenza, oltre agli ulivi, anche di querce caducifoglie autoctone e altri alberi da frutta e sarebbe un peccato dover fare a meno di questa vegetazione tipica e sostituirla, come già è successo in altre occasioni, con palme o altri tipi di piante alloctone. Non si può dimenticare che su tante rotatorie, isole sparti-traffico o margini stradali, nel corso degli anni, è stata autorizzata la piantumazione di specie esotiche, le quali, oltre a essere estranee al paesaggio, necessitano di sistemi di irrigazioni dispendiosi, e di cure agronomiche notevoli. “Chiediamo anche – specifica infine il Coordinamento Civico – che le eventuali porzioni di strada attuale che non dovessero essere soprapposte al nuovo tracciato non rimangano terra degradata di nessuno e dell’abbandono, come spesso accade, finendo per accogliere inevitabili discariche a cielo aperto. Chiediamo pertanto che si appronti, già nei lavori di primo cantiere, la loro bonifica con rimozione dell’asfalto e del cemento e altro rifiuto stradale, con ricostruzione del suolo agricolo-naturale, naturalizzando il sito”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!