Piano nazionale energia. Laforgia nel gruppo di lavoro

Bari. La mission del gruppo di lavoro sarà definire regole ed obiettivi del secondo e terzo Piano che l’Italia dovrà inviare alla Commissione europea entro il 30 giugno 2011

BARI – In tema di energia, la Puglia conta. Lo dimostra anche il fatto che Domenico Laforgia, rettore dell’Università del Salento, sia stato scelto, quale rappresentante pugliese, in seno al gruppo di lavoro interregionale chiamato a predisporre il secondo e terzo Piano nazionale di efficienza energetica, ovvero il programma contenente le indicazioni sulla localizzazione degli impianti, sul risparmio economico ed ambientale da prevedere nella realizzazione dei nuovi insediamenti, la formulazione di obiettivi e priorità di intervento. Una scelta che dà lustro alla Puglia, se si considera che nel gruppo di lavoro, costituito in tutto da dieci, quelli nominati dalle Regioni sono cinque in tutto. “Sono molto contenta che la nostra regione sia riuscita a esprimere un rappresentate in questo gruppo di lavoro nazionale che predisporrà, assieme all’Enea, un piano davvero strategico per il nostro Paese – ha commentato Loredana Capone, vicepresidente della Regione -. Oggi la Puglia può vantare la leadership nella produzione di energia da fonti rinnovabili ed è nostro obiettivo raggiungerla anche nell’efficientamento energetico. Sono certa – ha concluso – che l’esperienza delle politiche regionali e la grande competenza di Laforgia nella materia porterà un importante contributo alle strategie di efficientamento energetico di tutto il Paese dando un forte stimolo anche alla filiera del settore”. Il gruppo di lavoro avrà sede presso la sede della Conferenza Stato-Regioni ed è composto in tutto da dieci membri, di cui cinque nominati dalle regioni, due dal ministero dello Sviluppo economico, due da quello dell’ambiente e uno da quello delle Finanze. La mission sarà quella di definire le regole e gli obiettivi del secondo e terzo Piano di azione nazionale di efficienza energetica che l’Italia dovrà, inoltre, inviare alla Commissione europea entro il 30 giugno 2011.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!