Bpp. A proposito di legalità

Lecce. Banca popolare pugliese organizza per sabato 28 maggio un convegno su legalità e sicurezza sul territorio. Illustri presenze al tavolo dei relatori

LECCE – Di sicurezza e legalità non si discute mai abbastanza. Sono le stesse notizie di cronaca a confermarlo, ogni giorno. Sono i numerosi episodi di più o meno grave criminalità che si sviluppano soprattutto nei periodi di crisi economica, spesso correlata ad un senso diffuso di degrado sociale. Per approfondire una volta di più queste tematiche, Bpp ha organizzato per sabato 28 maggio (con inizio alle ore 9) all’Hotel Tiziano il convegno “Cultura delle legalità e della sicurezza sul territorio”. L’introduzione ai lavori ed i saluti iniziali saranno a cura di Vito Primiceri, direttore generale della Banca popolare pugliese, e di Valter Di Cera, amministratore delegato “Best Brain”. Seguiranno le relazioni di Antonio De Donno, procuratore aggiunto della Repubblica di Lecce (“La realtà territoriale e le minacce criminali locali e globali”), Alfredo Mantovano, sottosegretario del Ministero dell’Interno (“Le garanzie istituzionali in materia di integrazione tra azione pubblica e privata nella prevenzione dei rischi criminali”), Loris Brizio, coordinatore del Dipartimento nazionale Salute e sicurezza Fabi (“La partecipazione attiva dei dipendenti di banca e dei loro rappresentanti nel processo di prevenzione dei rischi”), Marco Iaconis, responsabile ufficio sicurezza anticrimine Abi (“Le rapine in banca: come difendersi”), Mario Cesari, responsabile servizio prevenzione Bpp (“Formazione e sistemi di protezione antirapina”). Al termine delle relazioni, avrà luogo un dibattito sulle testimonianze dei presenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!