ClimAction. A scuola di sostenibilità

Lecce. Oggi la premiazione dei vincitori del progetto proposto agli studenti della provincia di Lecce ed Agrigento. Ad essere “incoronato”, l’istituto “Medi” di Galatone

LECCE – E’ l’Istituto “Medi” di Galatone la scuola della provincia di Lecce che si aggiudica il premio del progetto “ClimAction”, che la Provincia di Lecce e la Provincia di Agrigento, in collaborazione con il Centro Turistico Studentesco e giovanile hanno proposto agli studenti dei rispettivi ambiti territoriali. La cerimonia finale è in programma oggi, a partire dalle ore 9, presso le Officine Cantelmo a Lecce. Alla giornata conclusiva interverranno il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’assessore provinciale alle Politiche giovanili Bruno Ciccarese, il dirigente del settore Ambiente della Provincia regionale di Agrigento Bernando Barone, il funzionario responsabile del progetto per la Provincia regionale di Agrigento Anna Capizzi, il dirigente scolastico dell’Itis “Medi” di Galatone, i docenti e gli alunni delle classi 3° e 4° sez. A della scuola, classi premiate, inoltre i rappresentanti scolastici degli istituti salentini che hanno partecipato al progetto, oltre agli studenti vincitori delle scuole di Agrigento con i docenti. Ai ragazzi vincitori sarà consegnata una targa intestata alla scuola per l’impegno e la creatività dimostrata nel perseguire gli obiettivi del progetto e un viaggio di quattro giorni nella provincia gemellata. A tutti gli altri verrà dato un attestato di partecipazione e sarà allestito un corner dove è possibile vedere i video e le proposte grafiche realizzate dai ragazzi. Gli studenti hanno analizzato, valutato e confrontato i gesti più significativi ed efficaci in termini di riduzione di emissioni di CO2 responsabilizzandosi rispetto alle conseguenze delle loro scelte e dei loro gesti quotidiani. Per un approccio critico e consapevole basta cambiare alcune piccole abitudini, come regolare la temperatura della casa: un ambiente è ben riscaldato già a 19-20 gradi. “Il global warming è un argomento di cui i ragazzi sentono parlare poco – ha commentato Gabellone -. E spesso non sanno in termini pratici che cosa fare e come contribuire alla giusta causa. Con ClimAction i nostri giovani sono più consapevoli rispetto alle conseguenze del surriscaldamento del pianeta e potranno agire concretamente non solo nella quotidianità con gesti sostenibili ma si faranno portavoce con chi ancora ne sa poco. I giovani sono la nostra prima grande risorsa dunque renderli consapevoli ne farà degli uomini preparati domani con un alto senso civico e del rispetto dell’ambiente”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!