Alla Fiera di Ponente, lo stand della Finanza

Gallipoli. Dal 29 maggio al 2 giugno sarà possibile conoscere da vicino i segreti del reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza Puglia

GALLIPOLI – Da domenica 29 maggio a giovedì 2 giugno è possibile scoprire tutti i segreti delle più performanti unità aero-navali della Guardia di Finanza della Puglia che quotidianamente vigilano lungo tutti gli 800 chilometri di costa, svolgendo compiti di sicurezza nelle acque territoriali e di polizia economico-finanziaria, nei confronti delle attività direttamente correlate al mare alla portualità, ma soprattutto per i reati contro il traffico di migranti e di stupefacenti. Alla Fiera di ponente di Gallipoli è infatti presente uno stand espositivo dove i visitatori potranno apprezzare i modellini di tutti i più recenti mezzi aero – navali utilizzati dalla Fiamme Gialle, video multimediali dove si potrà virtualmente provare la sensazione di un inseguimento con gli scafi contrabbandieri, grazie a filmati in real tv, che permettono di conoscere da vicino l’attività condotta dai finanzieri lungo le coste pugliesi. Il pubblico avrà, inoltre, l’opportunità di guardare da vicino (in mostra statica nei pressi dello stand Gdf) un gommone sequestrato e successivamente confiscato dalla Guardia di Finanza, per traffico internazionale di migranti nella notte dell’11 giugno 2010, e riqualificato come mezzo militare ed entrato in servizio operativo lo scorso 11 maggio. La visita potrà concludersi con un “salto” a bordo del nuovo Guardacoste classe “Buratti”, ormeggiato nella darsena della fiera, sul quale l’equipaggio potrà fare apprezzare le più innovative strumentazioni di bordo utili ai Finanzieri di mare per il contrasto degli illeciti, in materia di polizia economica-finanziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!