Via allo scambismo. Di libri

Lecce. Arriva anche nel capoluogo salentino la maratona dei libri. L’appuntamento è in villa comunale il 30 giugno

LECCE – Scambisti del Salento, e anche oltre, fatevi avanti. Arriva anche a Lecce la maratona del libro, organizzata dal Comune di Lecce con l’agenzia Titania. Che cosa c’entra lo scambismo con la lettura? C’entra eccome. Perché gli scambisti chiamati in causa sono proprio gli scambisti del libro, ovvero gli appassionati della lettura, coloro che vogliono rendere i libri immortali. Un modo c’è. Ed è proprio il bookcrossing, ovvero l’incontro in un luogo prestabilito tra lettori invitati a scambiarsi un libro. Una vera e propria maratona del libro. Gli appassionati, gli “scambisti del libro” appunto, si ritroveranno giovedì 30 giugno, alle ore 19.30, presso la villa comunale di Lecce per lasciare un libro e portarne via un altro, ma anche, ovviamente, per socializzare e per confrontarsi, per dialogare e per ascoltare reading di lettura. Non a caso nell’iniziativa verranno coinvolte le case editrici locali, invitate a presentare per le novità librarie e gli scrittori che animeranno il “raduno” con reading e presentazioni. In linea con i programmi promossi dal Ministero dei beni e delle attività culturali, l’obiettivo è quello di incentivare la divulgazione e il “consumo” della lettura, avvicinando sempre più nuove fasce di pubblico ai libri. “Questo evento conferma la grande attenzione da parte dell’Amministrazione comunale verso le dinamiche di carattere nazionale – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Massimo Alfarano -. Il mese di maggio è un fiorire di iniziative e questa del bookcrossing offre la possibilità alla città di ampliare la propria offerta turistica di qualità”. Oltre a quello del 30 giugno in villa comunale sono in programma altri tre appuntamenti in altrettante location: piazzetta Vittorio Emanuele II, piazzetta Castromediano e la piazzetta antistante le Officine Cantelmo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!