Energia. Come iscriversi al registro grandi impianti

Bari. La registrazione, obbligatoria per gli impianti operativi dal 31 agosto, dovrà avvenire entro fasce temporali prestabilite

BARI – Un Registro informatico. E’ la novità introdotta dal Quarto conto energia, approvato dal governo il 5 maggio scorso, che introduce l'obbligo, per i cosiddetti “grandi impianti” fotovoltaici (ovvero quelli di potenza superiore a 1 megawatt e gli impianti a terra non operanti in regime di scambio sul posto), di iscrizione nell’apposito Registro. La competenza per la gestione di questo “catalogo” spetta al Gestore dei servizi energetici (Gse), che ha appena pubblicato le indicazioni per effettuare l'iscrizione. La novità riguarda solo i grandi impianti che entreranno in esercizio dopo il 31 agosto 2011 e fino a tutto il 2012, che per accedere alle tariffe incentivanti dovranno necessariamente essere iscritti nel Registro del Gse, in posizione tale da rientrare nei limiti di costo fissati dal decreto per il periodo di riferimento. L'iscrizione al registro è possibile esclusivamente entro finestre temporali prestabilite, relative ai periodi giugno-dicembre 2011, primo semestre 2012 e secondo semestre 2012. In particolare, per il primo periodo le iscrizioni sono consentite dal 20 maggio al 30 giugno 2011 e il Gse pubblicherà sul proprio sito le graduatorie entro il 15 luglio 2011. Dall'iscrizione sono esentati gli impianti di qualunque potenza realizzati su edifici e aree delle pubbliche amministrazioni e i grandi impianti che entreranno in esercizio prima del 31 agosto 2011, che potranno accedere direttamente alle tariffe incentivanti, previa comunicazione al Gestore dell’entrata in esercizio. L'iscrizione non è cedibile a terzi; la graduatoria non è soggetta a scorrimento, salvo cancellazioni a cura del Gestore stesso di impianti già iscritti che entrino in esercizio entro il 31 agosto 2011 e lo comunichino entro il 15 settembre 2011. Resta inoltre in vigore l'obbligo di inviare al Gse la certificazione di fine lavori dell’impianto, che deve pervenire entro sette mesi (nove mesi per le installazioni superiori a 1 megawatt) dalla data di pubblicazione della graduatoria. Il mancato rispetto di tale termine comporta la decadenza di iscrizione al registro. Infine, spetta al soggetto responsabile trasmettere copia della certificazione di fine lavori al gestore di rete competente, che avrà 30 giorni per effettuare le necessarie verifiche. In allegato, le regole tecniche per l’iscrizione al Registro. Articolo correlato: Rinnovabili: la Regione approva le linee guida nazionali

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!