Una discarica in pieno centro

Ugento. Via Raheli, n.38. Un vero e proprio cumulo di rifiuti di ogni tipo, anche nocivi per la salute. Le lamentele dei cittadini sono rimaste senza risposta

UGENTO – Dopo numerose segnalazioni da parte dei cittadini e residenti della zona, alcuni componenti del Coordinamento della FgCI di Ugento, si sono recati in via Raheli al civico 38, in pieno centro storico. Lì hanno potuto constatare di persona ciò che le segnalazioni avevano anticipato: una vera e propria discarica all’interno di vecchia abitazione ormai crollata. Tra i resti edili, giacciono dimenticati rifiuti di vario genere, pezzi di lamiera, scatoloni e perfino eternit, assai nocivo per i residenti nelle vicinanze.

Ugento via Raheli 1

La zona è diventata pertanto un vero e proprio nido di serpenti e topi che in alcuni casi hanno infestato le abitazioni vicine. Inoltre, durante l’estate il luogo diventa un richiamo per zanzare ed insetti di ogni genere.

Ugento via Raheli 2

La situazione di precaria igiene è stata più volte segnalata alla Polizia Municipale e a chi di competenza da parte dei cittadini, ma le richieste non sono mai state ascoltate.

Ugento via Raheli 3

Il movimento politico ha quindi inviato una lettera al sindaco, all’assessore all’Ambiente e al Nucleo di Vigilanza Ambientale della Polizia Municipale per chiedere di adottare tutte le azioni necessarie a risolvere il problema, prevedendo un sopralluogo dei vigili e successivamente la messa in sicurezza della zona, attraverso il sequestro e la rimozione immediata dei rifiuti, la bonifica ed il ripristino dello stato dei luoghi. “Qualora entro trenta giorni dal ricevimento della presente – si legge nella nota – non dovessimo ricevere adeguata risposta, la scrivente organizzazione provvederà a informare chi di competenza, poiché si configura la violazione dell’art. 328 del Codice Penale per rifiuto e omissione di atti di ufficio in tema d’igiene e sanità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!