Delle Donne: ‘Stop ai ribassi anomali’

Lecce. L’aumento incontrollato dei ribassi da parte delle imprese può aver termine, secondo il presidente di Ance, solo se gli enti appaltanti metteranno in pratica il “Decreto Sviluppo”

LECCE – “La cattiva tendenza ad un aumento incontrollato dei ribassi praticati dalle imprese per l’aggiudicazione degli appalti di lavori può avere termine, solo se gli enti appaltanti si avvarranno della possibilità prevista dall’art. 253 del Codice dei contratti pubblici, così come novellato dal Decreto Legge 70 del 2011, meglio conosciuto come ‘Decreto Sviluppo’, entrato in vigore il 14 maggio scorso”. Lo afferma Nicola Delle Donne, presidente Ance Lecce che continua: “Aver scelto di alzare la soglia dei bandi da un milione di euro a circa cinque milioni per l’applicazione del meccanismo di individuazione ed esclusione delle offerte anomale, scoraggia le offerte avventurose e temerarie finalizzate solo all’aggiudicazione più che alla esecuzione dell’appalto”. Il legislatore italiano, infatti, in presenza di cantieri abbandonati e di opere pubbliche luogo di contenzioso, per l’evidente sproporzione fra le prestazioni da eseguire da parte dell’aggiudicatario ed il compenso che per esse riceverebbe, ha invitato gli enti appaltanti ad intraprendere la strada dell’offerta sostenibile, tutelando così le imprese regolari da una concorrenza sleale e garantendo al contempo l’ente appaltante circa il rispetto degli obblighi contrattuali. “Rivolgo un forte invito – conclude il presidente Delle Donne – ai Comuni e a tutte le stazioni appaltanti a non bandire gare d’appalto al massimo ribasso senza la mitigazione del taglio delle ali. Questa scelta, nell’attuale momento di grave difficoltà delle imprese, sarebbe interpretata in termini estremamente positivi, perché forte segnale di rispetto nei confronti dell’imprenditoria edile”. L’Ufficio Comunicazione

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!