Rifiuti speciali sotto la piazza

Soleto. E’ iniziata stamattina la bonifica dei rifiuti sepolti sotto il manto stradale. Uno scempio ambientale a pochi metri dal parco giochi e dal mercato settimanale. Si teme la presenza di materiale tossico

SOLETO – Centinaia di metri cubi di rifiuti speciali (tra cavi elettrici, parti meccaniche e soprattutto cumuli di guaina bituminosa), sepolti a pochi metri da un piccolo parco giochi e un’area destinata ad accogliere il mercato settimanale. E’ iniziata stamattina, sotto lo sguardo vigile dei carabinieri del Comando provinciale di Lecce e delle fiamme gialle, la bonifica dei rifiuti speciali sepolti nel tratto di verde pubblico adiacente il parco di largo Genova a Soleto, piccolo centro dell’entroterra salentino. Uno scempio ambientale che le indagini dei militari delle fiamme gialle di Otranto, comandate dal maggiore Luca Petrocchi, hanno evidenziato nel luglio scorso, tanto da portare la Procura di Lecce ad aprire un fascicolo contro ignoti e disporre il sequestro dell’area e l’acquisizione di tutta la documentazione relativa alla realizzazione del progetto. Il sospetto, saranno ore le analisi disposte dai magistrati a stabilirlo, è che tra il materiale sepolto ci siano anche rifiuti tossici, soprattutto fibre di amianto, parti di quei rotoli di vecchia guaina bituminosa (utilizzata un tempo per il rivestimento dei tetti) dissepolti dagli escavatori. Le indagini intanto proseguono, carabinieri e fiamme gialle vogliono accertare ogni responsabilità dolosa e capire chi ci sia dietro allo smaltimento illecito dei rifiuti. Con ogni probabilità il materiale è stato sepolto in occasione della realizzazione del progetto di riqualificazione del parco di Largo Genova. Una gara bandita nel 2006 e realizzata nel 2008 da un’impresa locale. Difficile, al momento, stabilire se le responsabilità siano da imputare proprio a questa azienda, saranno gli inquirenti a stabilirlo. L’Amministrazione comunale di Soleto, attraverso il sindaco Elio Serra, si è già costituita parte civile, presentando ai carabinieri una denuncia contro ignoti. “Il Comune di Soleto – ha commentato il primo cittadino – ha subìto un doppio danno, non solo d’immagine ma anche e soprattutto ambientale. Il tutto a scapito dei cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!