Nel box moto, la serra di marijuana

Lecce. La Guardia di finanza ha sequestrato undici piantine e tutta l’attrezzatura utilizzata per la loro coltivazione. Nei guai un 25enne

LECCE – Aveva preso in affitto un box non molto lontano da casa, per custodirvi la motocicletta e coltivarvi la marijuana; per questo un giovane è finito nei guai con la giustizia. Durante un controllo di natura tributaria ad una società che si occupa di affittare immobili e garage, non è sfuggito alle fiamme gialle della Compagnia di Lecce un insolito ed elevato consumo di energia elettrica all’interno di un box concesso in affitto ad un 25enne. La cosa non lasciava presagire a di lecito, anche in considerazione dei piccoli precedenti per uso personale di sostanze stupefacenti in capo al giovane. È scattata quindi una rapida attività di riscontro che ha portato i baschi verdi a perquisire il box incriminato, ubicato alla periferia del capoluogo salentino. L’operazione ha portato al sequestro di undici piante di marijuana e di tutta l’attrezzatura utilizzata per la loro coltivazione. Il giovane, infatti, aveva organizzato tutto nei minimi particolari; aveva realizzato un tramezzo in polistirolo per isolare il luogo dove coltivava le piante. Aveva collegato alla corrente elettrica un timer che regolava, attraverso un alternatore, l’accensione di una potente lampada e di un ventilatore, che servivano a dare la luce necessaria alle piante, tenendo sotto controllo la temperatura, perché non fosse troppo elevata. Il responsabile è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica per il reato di coltivazione di stupefacenti e rischia pesanti sanzioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!