‘Cieca assoluta’. Ma giocava alle slot

Maglie. Percepiva la pensione di invalidità totale. Dal 2008 aveva ricevuto 48mila euro in tutto. Denunciata 41enne

MAGLIE – Dal 2008 percepiva la pensione di invalidità risultando cieca assoluta. Eppure non rinunciava a concedersi lo “strappo alla regola” quotidiano recandosi con una certa assiduità a giocare ai videopoker in un bar. Una donna di 41 anni è stata denunciata a piede libero dai carabinieri di Maglie per truffa aggravata ai danni dell’Inps. Sono stati gli stessi militari a rendersi conto che qualcosa non quadrava nel suo atteggiamento, dal momento che spesso e volentieri l’avevano vista passeggiare da sola per le vie di Maglie senza neppure l’ausilio di un cane. E’ stato per queste ragioni che hanno deciso di intervenire. Il 13 giugno scorso hanno chiesto l’acquisizione dei filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza dell’esercizio commerciale, nei quali hanno potuto vedere la donna che, con disinvoltura, sfilava gli occhiali neri e si abbandonava al suo piacere del gioco. Così i carabinieri hanno deciso di intervenire. E fingendosi clienti del bar hanno sorvegliato dal di dentro la situazione. Quando la donna ha cominciato a giocare alle macchinette elettroniche sono entrati in azione chiedendo i documenti a tutti i presenti. A questa richiesta, la donna è sembrata visibilmente contrariata, ha infilato subito gli occhiali senza dare troppe spiegazioni. A questo punto le indagini, in corso, cercheranno di risalire ai membri della commissione medica che valutò la donna cieca assoluta; la 41enne sarà inoltre sottoposta a visite oculistiche per stabilire in quale misura sia non vedente o se la sua condizione di cecità sia pura invenzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!