Pista, officine e spalti. Tutto abusivo

Ruffano. La Guardia di finanza ha sequestro il complesso sportivo del valore di un milione di euro e denunciato il responsabile

RUFFANO – Un intero kartodromo completamente abusivo. E’ stata questa la scoperta dei militari della Guardia di finanza di Casarano, alla periferia del Comune di Ruffano. La struttura, costituita da una pista di un chilometro circa e larga 10 metri, veniva utilizzata, soprattutto nei fine settimana, da numerose motociclette da strada, da cross e da go-kart che si alternavano sul circuito a velocità sostenuta. Una volta raccolte sufficienti prove sull’illecita attività, documentate anche da foto e videoriprese, i finanzieri hanno deciso di intervenire all’interno della struttura, riscontrando da subito la totale assenza di autorizzazioni per l’esercizio dell’impianto sportivo, nonché la presenza di un nutrito numero di spettatori che osservavano con particolare attenzione gli esiti della gara. All’interno dell’area adibita a kartodromo, i militari hanno sottoposto a sequestro diverse strutture edili abusive. In particolare due box adibiti ad officine meccaniche e deposito, una struttura adibita a bar ed uffici, per 300 metri quadrati complessivi, nonché una gradinata ed un palco per le premiazioni. L’intera struttura, del valore di circa un milione di euro, oltre ad essere sprovvista di idonea certificazione tecnica ed amministrativa, risultava non adeguata alla normativa di settore. Infatti la rete di recinzione lungo l’intero perimetro era rotta in più punti; il manto stradale del circuito era in precarie condizioni, con sfaldamenti e crepe in molteplici punti attribuibili ad una mancata manutenzione. L’operazione si è conclusa con il sequestro dell’intera area e delle costruzioni abusive annesse, e con la denuncia alla Procura della Repubblica di un 26enne del posto, per violazione delle norme in materia di pubblici spettacoli senza licenza, abusivismo edilizio, inquinamento ambientale ed acustico e violazione delle norme di pubblica sicurezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!