Primo maggio in catene

Ceglie Messapica. Il primo maggio di Pierfelice Zazzera, incatenato con i lavoratori licenziati dell’amministrazione comunale

CEGLIE MESSAPICA – Ha celebrato il 1° maggio incatenandosi insieme a sette lavoratori licenziati dall'amministrazione comunale. Sette lavoratori con contratto a tempo determinato che avrebbero dovuto essere internalizzati così come già avvenuto in altri Comuni e come previsto dalla legge. E’ trascorso così il primo maggio di Pierfelice Zazzera, deputato pugliese dell’Italia dei valori. “Sette lavoratori da diciotto anni al servizio del Comune di Ceglie Messapica – spiega il parlamentare – che sono stati messi in mezzo alla strada. L'amministrazione infatti al loro posto ha assunto cinque ingegneri come consulenti esterni ovviamente a carico delle casse pubbliche”. Così Zazzera ha voluto manifestare insieme alla Cgil di Brindisi la sua solidarietà ai sette lavoratori e alle sette famiglie nel giorno della festa lavoro, “nel giorno in cui – commenta – questo governo vuole cancellare il 1° maggio e vuole riscrivere l'art. 1 della Costituzione. Quelle catene a cui si sono legati i lavoratori – aggiunge – rappresentano le catene di una dignità calpestata e di diritti negati, quelle catene vanno spezzate. Mi occuperò di questa vicenda presentando una interrogazione parlamentare perché questi lavoratori vengano reintegrati al più presto”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!