Seduta sui binari. Il treno frena in tempo

Soleto. Il macchinista è riuscito a bloccare il mezzo a pochi centimetri dalla donna. Che, illesa, è fuggita via

SOLETO – S’era seduta sui binari in attesa della sua sorte. Quella sorte premeditata chissà quanto tempo prima. Eppure ieri pomeriggio, attorno alle 17.30, non è accaduto ciò che lei aveva programmato. Il treno delle Sud Est ha frenato. Il macchinista ha avvertito una presenza sui binari – era una donna sulla trentina – ed allora ha tentato ciò che sembrava impossibile. Riuscendo miracolosamente nella sua impresa: fermare la macchina di ferro. Grande, grandissima, rispetto a quel corpo, seduto, sul selciato. Il treno si è arrestato a pochi millimetri dalla donna, che si è scoperto essere una 33enne di Sogliano Cavour; non l’ha toccata per un puro caso, perché i vestiti, quelli sì, li ha raggiunti. E quando il treno si è bloccato, lei si è alzata ed è fuggita via sulla sua auto, un’utilitaria, parcheggiata lì vicino. Il macchinista è riuscito a leggere e memorizzarne la targa, fornendola ai carabinieri. Grazie a lui, i militari sono riusciti ad individuarla, denunciandola per interruzione di pubblico servizio. Le motivazioni e tutto il resto saranno ricostruiti nelle prossime ore. Ciò che conta è essere riusciti a sventare una tragedia annunciata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment