Pasquetta in musica al Parco Gondar

Gallipoli. In concerto Verdena, Apres La Classe, Daddy Freddy e tanti altri artisti

GALLIPOLI – Una Pasquetta tutta particolare. All’insegna della grande musica. Si svolgerà oggi l’inaugurazione della stagione 2011 del Parco Gondar, l’evento musicale più atteso nel Salento. Una rassegna musicale lunga 15 ore con 16 artisti che si alterneranno in concerti live, dj set singoli e congiunti. “È il primo festival musicale della Puglia che accontenterà i differenti gusti musicali” dicono gli organizzatori. Si spazierà dalle sonorità rock che vedranno come protagonisti i Verdena e gli Apres La Classe, al sound raggae di Daddy Freddy, General Levy e Villa Ada Crew. Saranno accontentati anche gli amanti di musica elettronica con il sound di Congorock, Dj War e Serpenti. Dj Afghan, Ballarock (Dj/Vj set), Dj Maik, Paparina Sound, Resina Sonora, Carlo Chicco, 2 Irons, Tonj infuocheranno la dance floor con i loro dj set. “Il Parco Gondar da diversi anni si propone di diventare luogo di incontro e punto di riferimento per tutti gli amanti del mondo musicale in una location immersa nel verde con aree multi stage che offrono contemporaneamente diversi spettacoli. Non solo tanta musica, ma si può trascorrere la Pasquetta come da tradizione potendo usufruire di tutte le strutture presenti all’interno del parco: bar, pizzeria, aree pic-nic, campetti da tennis, volley, basket, sala giochi, area video proiezioni, area mercatino” dicono ancora gli organizzatori. L’evento è promosso e patrocinato dalla Regione Puglia, la Provincia di Lecce, il Comune di Gallipoli, Parco Gondar, Associazione di Promozione Turistica di Lecce, Associazione di Promozione Turistica di Bari, Puglia Sun Festival, Associazione Hula Hoop, Viaggiare in Puglia. I cancelli apriranno alle 11.00. Info e prevendite: 327-8215783. Ci sarà anche Infobus in convenzione con www.salentoyou.com. 327-7513878

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment