Sos, verde e strade in adozione

Lecce. In caso di buca sotto casa o di albero malconcio, basta fare un telefonata al numero verde. Peccato che nessuno risponda

di Andrea Gabellone LECCE – L'Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce ha lanciato, in collaborazione con la Lupiae Servizi, due nuovi servizi per la cittadinanza: Adotta il verde di Lecce e Adotta le strade di Lecce. “Un servizio fondamentale – afferma Gaetano Messuti, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce – per dare risposte concrete ai cittadini”. Lo scetticismo che qualche malpensante potrebbe nutrire nei confronti delle iniziative è prontamente respinto dal tono rassicurante del comunicato: “Avete una buca sotto casa? Un albero sta candendo a pezzi? Niente paura. Da oggi c’è un numero verde al quale si potrà chiamare. Basta comporre l’800 144 905 è il gioco è fatto. Un addetto accoglierà la segnalazione telefonica e nel giro di pochi giorni verrà eseguito l’intervento richiesto”. La prima telefonata l'abbiamo già effettuata e, sarà che è venerdì pomeriggio, sarà che siamo in atmosfera pre-pasquale, ma “l'utente non è al momento disponibile”. Certo, è probabile che gli operatori telefonici del numero verde, a partire dalla prossima settimana, siano letteralmente sommersi dalle telefonate e dalle richieste, ma, tutto sommato, c'è da augurarselo: vorrebbe dire che il servizio è attivo, funziona e chiama tanta gente alla partecipazione. D'altra parte, il Comune di Lecce non dovrebbe aver certo bisogno delle segnalazioni da parte dei cittadini per rendersi conto che le condizioni del manto stradale, soprattutto in alcune zone della città, sono deprecabili e pericolose; e a dirla tutta l'Area Demanio Stradale – Verde Pubblico (http://www.comune.lecce.it/comunelecce/Settori/Lavori+pubblici/Area+Demanio+Stradale+-+Utenze+-+Verde+Pubblico/) si dovrebbe occupare di “pianificazione, gestione e controllo degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di strade e marciapiedi anche attraverso società partecipate”, di “realizzazione e/o manutenzione di strade cittadine” e della “gestione del Verde della Città: manutenzione, pianificazione, riqualificazione delle aree verdi ecc.”. Potremmo dedurne che questa del numero verde è un iniziativa aggiuntiva che dovrebbe svolgere attività e funzioni per le quali esiste di già un servizio. Quanto costerà alle nostre tasche, con l'avvicinarsi delle elezioni, far sentire il Comune “più vicino ai cittadini”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment