L’Aida di Ozpetek indossa gioielli De Benedittis

Lecce. Il designer orafo salentino va all’opera. Sarà presente con le sue creazioni alla Stagione Lirica del 74esimo Maggio Musicale Fiorentino

LECCE -Diciamo subito che si tratta di gioielli unici. La creatività del designer orafo salentino Gianni De Benedittis ha allargato lo sguardo. Eccola abbracciare il mondo della Lirica. Ancora un momento di successo. Dopo “Mine Vaganti”, ancoraun’importante collaborazione con il regista Ferzan Ozpetek. Il maestro Ferzan Ozpetek firmerà la regia dell’“Aida” per il 74esimo Maggio Musicale Fiorentino. E i gioielli per l’opera sono stati disegnati e creati da Gianni De Benedittis, del brand “futuroRemoto”. L’opera vanta la regia di Ozpetek, le scene del premio Oscar Dante Ferretti, la direzione del maestro Zunbin Mehta. Debutto: il 28 aprile al teatro Comunale di Firenze.

Gianni De Benedictis_una creazione

“Ho voluto rivisitare le forme tradizionali del passato, senza tradire quel rigore di linee pulite, tipico dell’arte orafa antica” dice delle sue creazioni Gianni De Benedittis e aggiunge che è “tutto in armonia con le tonalità cromatiche dei costumi di Alessandro Lai”. Corallo naturale e madrepora per i pettorali indossati da Aida, Amonasro e dagli altri prigionieri. Solide geometrie di ottone, rame e argento per le fibule e i numerosi bracciali indossati dai sacerdoti egizi, tutti cesellati a mano. I lunghi orecchini e il pettorale di Amneris, in rame e argento, sono impreziositi da pietre dure naturali. Lapislazzuli, Turchesi, Quarzi. La recita del 3 maggio sarà trasmessa in diretta da Rai 5 e nei cinema italiani e statunitensi. Successivamente nei cinema di tutti gli altri Paesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment